Bambini a tavola

Ricette appetitose a partire da alimenti semplici, a base di ingredienti genuini, pensate specialmente per i piccolissimi, ma gustose abbastanza da essere gradite a tutta la famiglia: è questo il bello del nuovo ricettario Slow Food, Bambini a tavola.

Si parte dal brodo vegetale base delle prime pappe e si arriva alla golosa torta caprese con mandorle e cioccolato: 120 ricette divise in tre sezioni, da 6 mesi a 1 anno, da 1 a 3 anni e da 3 anni in poi. Tante idee per portare piatti sempre diversi in tavola, rispettando le stagioni e la territorialità, coltivando il piacere del mangiare cose buone insieme, lentamente e piacevolmente.

“Il nostro punto di partenza è un po’ diverso rispetto a quello dei ricettari classici per bambini – racconta Bianca Minerdo, curatrice del volume -. Siamo partiti da ricette della tradizione, rappresentative dei territori e nel rispetto della filiera corta, e le abbiamo adattate alla prima infanzia. Ci piace l’idea che i bambini mangino insieme ai genitori e si avvicinino presto ai piatti della loro regione, ma non è stata un’impresa facile perché l’alimentazione dei piccoli è argomento delicato. Ci siamo affidati alla consulenza di pediatri e nutrizionisti per rivisitare la cucina di tradizione in modo che fosse adatta all’alimentazione dei bambini, così da proporre piatti ben bilanciati dal punto di vista nutritivo. Come si può notare dalle foto sono piatti belli e invitanti: è importante che presentino bene per suscitare la curiosità e invogliare all’assaggio. È quello il primo passo, il più difficile.

Il volume comprende anche una breve introduzione sullo svezzamento scritta dal nostro pediatra di riferimento, Antonello del Vecchio, ed è corredata da una tavola fotografica degli ingredienti importanti per una sana dieta del bambino. Le ricette rispettano la progressione temporale dell’introduzione degli alimenti. Nella prima sezione, quella 6-12 mesi sono proposti solo piatti unici, poi si varia con idee che vanno dall’antipasto al dolce. Le ricette sono corredate da commenti sul valore nutritivo degli ingredienti utilizzati o caratteristiche del piatto o curiosità storiche e piccoli segreti di cucina. Ci piace pensare a questo libro come un buon punto di partenza per un’alimentazione che unisce piccoli e grandi nel piacere di stare a tavola, in modo sano e buono”.

Iscriviti alla newsletter

X