Slow Food Day

Sabato 17 maggio 2014, in tutta Italia, si celebra lo Slow Food Day: contadini urbani, giovani agricoltori e artigiani sono i protagonisti del ritorno alla terra. Incontrarli, conoscerli in piazza, partecipare ad attività nelle scuole locali o a visite presso le aziende del territorio sono solo alcune delle proposte delle Condotte – le associazioni locali di Slow Food – per la giornata. L’appuntamento, nato per festeggiare i 25 anni dell’associazione italiana nel 2011, ha affrontato nel tempo temi di grande attualità: dall’agricoltura di prossimità alla green economy, passando per le conseguenze del cambiamento climatico. Quest’anno Slow Food, unendosi alle celebrazioni dell’Anno Internazionale dell’Agricoltura Familiare promosso dalla FAO, ha deciso di dare la voce, per l’appunto, agli agricoltori. I produttori delle comunità sono al centro di un modello agricolo utile a preservare la biodiversità e a garantire la sovranità alimentare, ovvero il diritto dei popoli di decidere cosa produrre e consumare, in alternativa al modello agroindustriale. Secondo la FAO, circa il 75% delle risorse genetiche vegetali sono scomparse e la biodiversità attuale potrebbe erodersi di un ulteriore 30% entro il 2050. L’agricoltura familiare afferma con forza valori importanti come la tutela della biodiversità e dei saperi produttivi tradizionali, dei territori, l’impegno a stimolare l’adozione di pratiche produttive sostenibili e a sviluppare un approccio etico al mercato. Consente il raggiungimento della sicurezza alimentare, intesa come una situazione in cui tutte le persone hanno accesso ad alimenti sufficienti, sicuri e nutrienti per condurre una vita attiva e sana. Sostenere le economie rurali può inoltre garantire una crescita economica che non si limita al settore agricolo e favorisce la stabilità sociale nelle comunità, ad esempio creando posti di lavoro in agricoltura, e in generale contribuendo a innalzare il benessere. Si tratta insomma di uno strumento efficace per rispondere alle stringenti necessità di nutrire il pianeta e salvaguardare l’ambiente. Durante la giornata le 300 Condotte italiane si raccontano al pubblico, presentando i progetti sviluppati localmente e organizzando degustazioni, laboratori, attività educative: un momento aggregante, divertente e culinario, e un’occasione per conoscere i valori e le campagne di Slow Food e, perché no, per associarsi e sostenere attivamente i progetti a favore delle piccole tradizioni di qualità. Per maggiori informazioni: www.slowfood.it.

Slow Food Day a Torino
Nella ricorrenza dello SF Day in corso Castelfidardo 34 A (a fianco alle OGR) ci sarà l’appuntamento con il Mercato della Terra di produttori del territorio (ore 12 – 19) e un lab di frutta locale a cura di Fruit’Alp e Giovani Genitori (ore 16); in piazza Carignano si distribuiscono semi e piantine a offerta libera (ore 12 – 19) e si può partecipare al lab di orticoltura familiare a cura di Agrilab (ore 16 – 18); nel prato sopra l’Imbarchino, nel Parco del Valentino, c’è l’Eat-in (ore 19). Domenica 18, inoltre, inaugura a Chieri (TO) l’orto urbano didattico di Agrilab (ore 15 – 22). Per maggiori informazioni sugli eventi in programma a Torino e dintorni durante la giornata: www.slowfoodtorino.com.

Slow Food Day a Milano
In occasione dello SF Day ci sarà a Milano l’appuntamento con il Mercato della Terra alla Fabbrica del Vapore in via Procaccini 4: l’occasione per incontrare contadini e artigiani locali, con i loro meravigliosi prodotti e per fare laboratori con i bambini. Per maggiori info sugli eventi in programma in città e dintorni durante la giornata: www.slowfoodmilano.it.

[Pamela Damiano]

Iscriviti alla newsletter

X