Il pavimento pelvico tra benessere e piacere

Il pavimento pelvico è una regione muscolare molto importante del corpo femminile, di cui però si parla poco, tranne in rare occasioni: durante i corsi preparto, alcuni tipi di danza o Pilates. Ne è consapevole la dottoressa De Chino, specializzata nella riabilitazione dell’apparato uro-genitale. “Il mio interesse per l’argomento – racconta – è dovuto a motivi del tutto personali. Subito dopo il parto, a soli 26 anni, sono diventata incontinente. Una conseguenza del tutto inaspettata e molto sgradevole. Terrorizzata da quello che mi era accaduto, ho iniziato a studiare e approfondire l’argomento: perché mi era successo e come funziona questa fondamentale parte del nostro corpo? La mia conoscenza è dunque frutto di studi accademici, ma arricchita dai vissuti di donna e di mamma”.

E cosa hai scoperto? “Il perineo è un’area per lo più ignorata ma fondamentale, perché responsabile non solo della nostra salute fisica ma anche del nostro benessere sessuale e di coppia. Lo stesso vale per il pavimento pelvico, una porzione anatomica alla base del bacino, che avvolge gli organi interni in un tutt’uno con la vagina, l’uretra e l’ano. Il suo benessere, inteso non solo e non tanto come tonicità ma anche come rilassatezza, influenza il benessere e il piacere sessuale delle donne. Più lo conosciamo, più ne siamo consapevoli e più gioia traiamo dalla sessualità”.

Si dice che nelle culture orientali alle donne venga insegnata già nell’adolescenza l’importanza di allenare i propri muscoli pelvici, non solo per prevenire patologie in età adulta, ma anche per avere una vita sessuale appagante. Ti risulta? “È proprio così. La muscolatura vaginale è viva e dotata di recettori che interagiscono col pene abbracciandolo, risucchiandolo e stringendolo. L’utilizzo corretto e consapevole di questi muscoli genera piacere”.

La maggior parte delle donne scopre dell’esistenza del perineo grazie alla gravidanza. Come consigli di allenarlo in vista del parto? “Imparando a rilassare la muscolatura in tutte le attività quotidiane, dalla minzione alla defecazione. Ci vuole un ritmo lento. Un semplice esercizio che consiglio è quello di accovacciarsi e vocalizzare la lettera A. Possiamo iniziare a prendere consapevolezza del nostro perineo a qualsiasi età, attraverso semplici esercizi e percorsi di apprendimento in gruppo”.

Dopo il parto è possibile avere dei problemi al pavimento pelvico: quali sono i tuoi consigli per le future mamme? “Purtroppo l’incontinenza urinaria e fecale, il dolore durante i rapporti sessuali sono solo alcune delle problematiche che possono instaurarsi a seguito di un parto. È importante trovare un’ostetrica o una fisioterapista che abbia un approccio olistico e non meccanico. Se la donna diventa proattiva nel suo processo di recupero, il successo è assicurato”.

Iscriviti alla newsletter

X