Il Mercato della Terra e Nutrire Milano

Si chiama “Nutrire Milano – Energie per il cambiamento” il progetto realizzato da Slow Food Italia, dopo l’assegnazione dell’Esposizione universale alla città nel 2008. Il tema scelto da Milano per l’Expo 2015 “Nutrire il pianeta, energia per la vita” affronta il delicato tema del destino della terra nel futuro prossimo. La sfida che SF lancia è di proporre Milano come punto
di riferimento nel mondo su queste tematiche.

Il progetto Nutrire Milano è realizzato da Slow Food Italia, in collaborazione con il Politecnico di Milano e l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo: al centro dell’intervento il  Parco Agricolo Sud Milano, un’area di  47 mila ettari, coltivati prevalentemente in modo intensivo e convenzionale. L’idea del piano si estrinseca attraverso diversi progetti-pilota, esempi virtuosi riproducibili in altri contesti urbani e che rappresentano nuovi modelli di sviluppo sostenibili. Tra questi progetti c’è la ricostruzione di alcune filiere alimentari locali.
In questo contesto gioca un ruolo centrale il Mercato della Terra di Milano, che si svolge presso la Fabbrica del Vapore di via Procaccini 4.
I Mercati della Terra sono mercati contadini ideati da Slow Food che promuovono la filiera corta, il cibo di qualità buono, pulito e giusto. I consumatori trovano qui bevande e alimenti sani, sicuri e di origine chiara, con la possibilità di conoscere i produttori e chiedere loro informazioni. I produttori si assumono direttamente la responsabilità di ciò che vendono e possono raccontare le caratteristiche dei loro prodotti garantendone qualità, territorialità e stagionalità. Nei Mercati i prezzi sono equi, trasparenti e motivati: ripagano la fatica di chi lavora e le materie prime necessarie per ottenere un prodotto di qualità, con beneficio di chi acquista, senza i costi di intermediazione.
Le prime esperienze sono partite in Mali e Libano nel 2007, seguite nel 2008 in Israele e in Romania nel 2009, mentre in Italia sono già attivi i mercati di Alba (CN), Bologna, Calamandrana (AT), Cairo Montenotte (SV), Montevarchi (AR), San Daniele (UD), San Miniato (PI) e Villa Lagarina (TN).
Per il Mercato milanese è stata realizzata una selezione di aziende agricole attraverso visite dirette in azienda sia nel Parco Agricolo Sud Milano che nelle zone limitrofe alla città. Ampio spazio viene dedicato all’educazione alimentare e del gusto, grazie alla collaborazione delle Condotte Slow Food della Lombardia, che attraverso una serie di degustazioni guidate – i Laboratori del Gusto -, raccontano ai cittadini i prodotti e il territorio. Molti laboratori sono dedicati ai bambini, che vengono “iniziati” a queste complesse tematiche attraverso il gioco e il coinvolgimento manuale.
Il Mercato della Terra di Milano vuole diventare luogo di incontro privilegiato tra la campagna e la città: l’occasione per promuovere e comunicare tutte le attività indirizzate alla valorizzazione del territorio agricolo milanese, l’applicazione di buone pratiche tra gli agricoltori e la sensibilizzazione dei cittadini sulla produzione agricola di prossimità, sostenibile e di qualità. Il Mercato della Terra si svolge ogni primo e terzo sabato del mese dalle 9 alle 14 da settembre a maggio e ogni primo e terzo lunedì del mese dalle 17 alle 22 a giugno e luglio.

Iscriviti alla newsletter

X