Caterina e l’amore per i rondoni

Caterina e l’amore per i rondoni

Se l’amore è come un rondone, può volare via. Ma anche tornare, magari in primavera L’amore che Caterina deve lasciar andare in questi giorni era sbocciato una sera di fine marzo: era sul balcone, avvolta in uno scialle rosso mattone, ostinata nel suo...
Caterina e i tavolini all’aperto

Caterina e i tavolini all’aperto

Per restituire la città, a Caterina non serviva altro che i tavoli dei bar all’aperto  Più dei parrucchieri aperti, più dei negozi di abiti estivi, più dei caffè d’asporto, più delle persone a spasso, più dei mercati, pure più delle librerie, più di tutte...
Caterina e la voce che ti porta a Parigi

Caterina e la voce che ti porta a Parigi

Caterina si è svegliata ascoltando ululare il vento, rintanata, immobile, sotto il piumone blu, e chiedendosi se, in questa casa in prestito nel XI arrondissement della città dei suoi sogni, avrebbe trovato facilmente il té, la teiera, il miele, qualche biscotto...
Caterina e la confusione di fine anno

Caterina e la confusione di fine anno

Caro Duemiladiciotto, te ne stai andando, eh? Ancora poche settimane e cambierà l’ultimo numerino della cifra che sei e io non so se ci siamo già detti tutto ciò che possiamo dirci prima dell’addio. Che cosa mi hai portato, che cosa ti ho dato, che cosa vuoi che ti...