In giro per i borghi dipinti della Lombardia

da | 15 Mag, 2022 | Arte e Cultura, Dove Andare, In Viaggio, Lifestyle, Outdoor, Viaggi

Alla scoperta dei borghi dipinti, bellissimi paesini tra arte e natura in Lombardia

La primavera è nel pieno del suo splendore: cosa c’è di più bello che organizzare una giornata all’insegna dei colori? Siamo andati alla ricerca dei borghi dipinti più belli della Lombardia per una gita di esplorazione e divertimento formato famiglia. Ve ne consigliamo tre, tutti in provincia di Varese e accessibili in auto, senza problemi di parcheggio. Per portar ei più piccini consigliamo l’utilizzo di una fascia o marsupio perché le stradine con i ciottoli non sono scorrevolissime con il passeggino. 

Boarezzo

Il piacere per gli occhi in una gita a Boarezzo inizia già dalla salita in auto, che offre scorci panoramici e una vista sublime sul lago Ghirla tra boschi che sembrano parlare. All’arrivo in paese, un grande cartello accoglie i visitatori “Boarezzo, Villaggio Artistico” e questa insegna fa già ben sperare. 

Sulla facciata di un edificio si scorge un verso del poeta Rattazzi 

…Un quadar delica

da cent…mila culur….

Addentrandosi nel borgo si iniziano ad avvistare i murales…uno, due, tre tanto da perdere il conto. Molti raccontano la storia del borgo che fu di mestieri antichi scanditi dal tempo e dalla fatica. 

Il vasaio con intorno a fargli feste due galline che paiono star buone e non disturbare il lavoro del maestro, il cestaio che tramanda al figlio l’arte di intrecciare i cesti, il boscaiolo intento a trasportare la legna con in primo piano delle castagne (ottime in questa zona), “ur casée”, il casaro che con le sue sapienti mani prepara un ottimo formaggio. 

E tra tanti dipinti posizionati agli angoli delle case, ci sono fontane, ciottoli, il cinguettar degli uccelli. Ma non solo, nei dintorni si possono avvistare scoiattoli, caprioli, lepri.

borghi dipinti

Arcumeggia

Il borgo è una frazione del Comune di Casalzuigno, in provincia di Varese. Ci accoglie con una sorpresa, una teca con libri a disposizione per tutti e una frase “Leggere per sognare”. Insomma, le premesse sono ottime. 

E poi scorgiamo un’enorme tempera con un pennello in legno a simboleggiare la vena artistica di questo luogo. L’idea di far divenire questo borgo una galleria a cielo aperto venne molti anni fa a Mario Beretta, Presidente dell’Ente Provinciale del turismo: una stele datata 1969 lo ricorda con affetto. 

Il percorso si dipana attraverso i vari dipinti contrassegnati da un QR code che consente di scoprire tante informazioni interessanti. I dipinti sono grandissimi, molti occupano intere facciate delle case, la maggior parte in pietra. In questo periodo storico, colpisce anche i bambini il dipinto raffigurante un soldato che non vuole la guerra e nelle sue mani porta da un lato una colomba e dall’altra un melograno. Poi, bellissimo, il murale con i ciclisti del 1957 simbolo della lunghissima tradizione ciclistica di queste zone. 

Tra i nostri preferiti, il dipinto, così preciso da sembrare vero, che raffigura la spartizione della polenta: tutti i commensali intorno a un tavolo intenti a gustare il piatto tipico di queste zone. 

borghi dipinti

Borgo Penasca di San Fermo

Il borgo Penasca di Varese si trova a soli quindici minuti dal centro di Varese ed è un piccolo gioiellino che domina la città. Ad accoglierci una grande arcata in pietra sotto la quale si possono ammirare dipinti e poesie esposti sulle facciate delle abitazioni. Molto particolari i cortili con grandi oggetti di rame appesi, testimonianza della tradizione fortemente contadina di questo luogo.

Passeggiando si scorge il Santuario dedicati ai Santi Fermo e Rustico alla cui spalle vi è il Belvedere “Stefano De Bortoli” da cui si gode di una vista incantevole sull’intera vallata. 

Stupendo il testo poetico di Gian Carlo Bregantini, sulla facciata di una casa intitolato “Tulipano Giallo”:

Vogliamo vivere a colori

Non credo ci sia un sogno più grande

perché ciascuno nel suo cuore, 

porta i suoi colori

quelli che la vita gli ha donato, 

quelli della sua infanzia, 

quelli puliti di un mondo bello…”. 

Un consiglio per un agriturismo a misura di famiglia è il Gaggio (Via Gaggio 4, Galliate Lombardo) dove trovate ad attendervi prodotti tipici, giostrine per i bimbi, un e-shop dove portare a casa con voi delizie ed una bellissima vista lago. 

Non vi resta che partire ed entrare in un mondo colorato!

borghi dipinti

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista