Museum of Dreamers: la mostra immersiva a Milano

da | 3 Nov, 2022 | Attrazioni, Dove Andare

15 installazioni da vivere e in cui entrare, anche a misura di bambino: è il Museum of Dreamers a Milano

Effettivamente è un sogno o comunque qualcosa di simile. Entrare nel Museum Of Dreamers, in pieno centro a Milano, significa abbandonare tutto quello che c’è fuori e immergersi in una realtà parallela. Una realtà rosa, molto rosa, luccicante, fatta di altalene che dondolano in mezzo al cielo e altri effetti speciali. E ai bambini piace, si divertono; i genitori anche.

Il museo

Il Museo dei sognatori è una mostra che trasforma l’onirico in realtà; un museo pop up allestito a Milano, a pochi passi dal Duomo, fino a domenica 18 dicembre. All’interno, su due piani, sono state create 15 installazioni immersive pensate per sognare, stimolare i sensi e capovolgere la realtà in cui ci si trova. Rieducare alla cultura dei sogni è l’obiettivo della mostra ideata dalle designer Elena e Giulia Sella, fondatrici di Postology.
Ogni stanza è un’esplosione di colori e luci neon, esplosive, eccessive quasi, proprio per allontanarci dal quieora. E ogni allestimento deve essere vissuto, provato per abbandonarsi al sogno, appunto.

museum of dreamers

Le installazioni

Si parte con una parete che raccoglie cento diverse citazioni di personaggi celebri sul tema del sogno e del raggiungimento dei propri obiettivi. E poi via ad altre 14 installazioni, racchiuse in piccole stanze. Ognuna di queste è accompagnata da una frase, un invito e anche un augurio, a mettersi in gioco e a non avere paura di trovare la propria strada. Tra le installazioni più divertenti per la famiglia e per i più piccoli, che forse vivono il museo in modo ludico e visivo più che da sognatori erranti, ci sono: Free Your Power con il suo gioco di specchi e luci colorate, per mettere al centro la complessità e globalità di ciascuno. Divertente la stanza Change Perspective, allestita al contrario con un soggiorno sottosopra che ci invita a cambiare prospettiva e vedere le cose da un nuovo punto di vista. In Sky Is Not The Limit ci sono quattro altalene per dondolare nel cielo, in un’atmosfera eterea e sognante. In Never Give Up invece è possibile “fare a pugni” contro le proprie insicurezze (sono dei sacchi enormi con le parole dei punti deboli scritte sopra), facendo il carico di grinta e motivazione. Believe in Magic riproduce un tunnel di fiori, magico e sognante, con lampadari luccicanti, una tavola incantata, che rendono la stanza senza limiti di spazio e tempo. Ma è la vasca centrale al piano inferiore l’installazione da cui non si vorrebbe mai uscire. Enjoy The Moment è una grande piscina di palline di sfumature di rosa, dove tuffarsi per godere ogni momento con gioia e spensieratezza.

museum of dreamers

Qualche consiglio

Per godersi davvero la mostra vi consigliamo di evitare il week end e i giorni festivi, rischiereste di fare la coda sia per entrare che per avvicinarvi alle installazioni. La cosa potrebbe essere più stressante che divertente. Esistono dei turni di ingresso (meglio informarsi e prenotare prima) e ogni gruppo può rimanere dentro al museo per un’ora, poi si esce. Questo significa che il tempo non è eccessivo per i più piccoli (ai quali volerà, anzi), ma che bisogna “dosare” il tempo in ciascuna stanza. Il Museum Of Dreamers è follemente social, pure troppo, e richiama selfie e foto. Alcune installazioni prevedono la foto di gruppo che viene inviata direttamente via e-mail. Il nostro consiglio è quello di fare le foto di rito, senza però dimenticarsi l’invito: staccare, godersi ogni momento e sognare.

museum of dreamers

Info pratiche

DOVE:
Milano, Piazza Cesare Beccaria, angolo via Cesare Beccaria (Duomo)

ORARI:
– Lun-Ven dalle 11.00 alle 20.00 (ultimo ingresso 19.00)
– Sab-Dom dalle 10.00 alle 20.00 (ultimo ingresso 19.00)

TICKETS
• INTERO Lun-Ven 18€
• INTERO Weekend (Sab-Dom e festivi) 21€
• RIDOTTO (<16 e disabili) 15€
• RIDOTTO weekend (<16 e disabili) 18€
• FAMIGLIA (2 adulti e 2 bambini fino ai 12 anni) 60€ – BAMBINI (0-3) Gratis

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista