Teatro a pedali: l’energia è prodotta dal pubblico

da | 8 Giu, 2022 | Arte e Cultura, Dove Andare

Riparte Teatro a pedali, la rassegna di spettacoli alimentati dalla pedalata del pubblico grazie a biciclette collegate a un sistema di cogenerazione elettrica 

Dal 17 al 26 giugno 2022, al Teatro Il Mulino di Piossasco, sede del progetto The Green Theater e luogo simbolo di conversione da vecchio mulino ad eco teatro improntato alla sostenibilità, torna il Festival Teatro a Pedali. Il primo festival a basso impatto ambientale, promosso da Mulino ad Arte, in cui tutti gli spettacoli vengono alimentati dalla pedalata del pubblico. Come? Grazie a biciclette collegate a un sistema di cogenerazione elettrica che permette la produzione di energia necessaria per alimentare l’impianto audio e luci del palco.

Riavvicinarsi alla cultura

Il Festival Teatro a Pedali propone arte e spettacolo accompagnati da momenti esperienziali in cui lo spettatore viene posto al centro della performance. L’obiettivo, dopo due anni di pandemia e di distanziamenti, è quello di riavvicinare le persone al mondo della cultura e ai rapporti sociali.

“Sono tre gli elementi centrali di questa edizione del Festival Teatro a Pedali – commenta Daniele Ronco, direttore artistico di Mulino ad Arte. Innanzitutto il protagonismo del pubblico, con eventi, laboratori e spettacoli esperienziali per riavvicinarsi gli uni agli altri, per riconnettersi con il proprio sé e con la natura. Poi i temi sociali e ambientali, affrontati durante i talk e con la sfilata di abiti second hand. Infine i giovani, con due giornate realizzate da loro”.

Le giornate del Festival

Il Festival parte il 17 giugno nella dimora storica di Casa Lajolo, con la Cena in silenzio, pensata per entrare in contatto profondo con il cibo e con le persone a tavola. La sera del 19 giugno è dedicata ai giovani con il concerto a pedali Earth Beat, in cui si esibiscono alcune giovani band del territorio (Euphonia, Indaco, Kanerva, The Gentleband, Vito). Dal 21 al 26 giugno il Festival entra nel vivo per affrontare le diverse tematiche legate alla sostenibilità ambientale, dalla botanica al clima, dalla moda allo sport, attraverso aperi-talk con esperti del settore.

I più giovani possono partecipare a laboratori a tema organizzati da Eicom e dai ragazzi dei Green Guys e del Teatro Affido, un progetto che nasce dalla collaborazione tra l’associazione Wanderlust Teatro, Casa dell’Affidamento e la Città di Torino.

Teatro, musica e moda

Il teatro, la musica, la moda e la scienza accompagnano tutte le sere con grandi spettacoli alimentati rigorosamente grazie alle biciclette del format Teatro a Pedali.

Tra gli eventi da segnalare: il 21 giugno la musica è protagonista della serata dedicata a “botanica & jazz” con Fabrizio Bosso (tromba) e Julian Oliver Mazzariello (pianoforte). Il 22 giugno è dedicato al “Climate change”, con uno spettacolo di divulgazione scientifica di e con Luca Mercalli. Il 23 giugno, per il tema “Umane risorse”, va in scena lo spettacolo teatrale “Voci dal bosco”.

La sfilata di Bali Lawal anima la serata dedicata al mondo del Fashion del 24 giugno: “Cast Off” è il progetto per ridare vita ai vestiti dismessi, presentata insieme alla modella e stilista dal duo comico Enzo Paci e Andrea Carlini. Lo sport è il tema del 25 giugno. Si esibisce sul palco Teodoro Bonci del Bene, produzione Teatro Nazionale di Genova, con “Dati sensibili – New Constructive Ethics”. Il Festival si conclude con il tema “Madre Terra”, il 26 giugno, con lo spettacolo teatrale “Saluti dalla terra”, una produzione Teatro dell’Orsa.

Il Festival Teatro a Pedali è organizzato con il sostegno di Città di Piossasco, Fondazione Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, Eicom, Valverbe; in collaborazione con Casa Lajolo, 5 Pani Emporio & Boutique Solidale, Elettrotech, Green Guys, Wanderlust Teatro, Network Risonanze, Turismo Pinerolese e Valli.

Info e programma completo

www.teatroapedali.it 

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista