Open Factories: l’evento per visitare gli stabilimenti del Made in Torino

da | 14 Nov, 2022 | Eventi, Open Day

Affascinante per adulti e bambini: “Open Factories” è l’evento che apre gli stabilimenti e le imprese. Gli appuntamenti per il 25 e 26 novembre e 2 e 3 dicembre

Scoprire come nascono gli oggetti, capire e visitare i processi di produzione, vedere il dietro le quinte di una cosa fatta e finita è estremamente affascinante, per i bambini e le bambine ma anche per gli adulti. È questo lo scopo di “Open Factories”, l’iniziativa che apre le porte di alcune delle imprese del territorio. Sono 19 le aziende aderenti per il 2022 che gratuitamente aprono le loro porte ai visitatori per un’esperienza di conoscenza e scoperta delle eccellenze produttive torinesi. Fittissimo il calendario di aperture di venerdì 25 e sabato 26 novembre e venerdì 2 e sabato 3 dicembre 2022 in fasce orarie prestabilite.

Le aziende aperte

Ce n’è davvero per tutti i gusti! Al via le visite alla storica azienda Pastiglie Leone, produttrice di pastiglie, caramelle, gelatine gommose e cioccolato; a Casa Martini, l’azienda che ha scritto la storia dell’aperitivo nel mondo; o ancora dall’azienda di Castellamonte, La Castellamonte Stufe di Ceramica in cui vengono prodotte stufe di ceramica rinomate in tutto il mondo allo stabilimento nel cosiddetto “Paese dell’Acqua”, Pian della Mussa a Balme. Poi ancora Albergian; Antica Fabbrica Passamanerie Massia 1843; Birrificio Gilac; Bonfante nocciolini; Centrale del Latte; Costadoro Caffè; Croci Cioccolato; Dottoressa Reynaldi – laboratorio di cosmesi naturale; Essenzialmenta; Ferrino; FPT Industrial; Gipsoteca Mondazzi; La Perla di Torino; Oscalito Maglificio Po; Pasta&Company.

Come partecipare a Open Factories

Per prenotare la visita basta andare sul sito https://www.turismotorino.org/it/esperienze/eventi/open-factories scegliere l’azienda e prenotare la visita, anche per più persone. Nella scheda di ciascun stabilimento è descritta l’attività, l’orario e la fascia di età consigliata.

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista