Come risparmiare sulla spesa: consigli, strategie e possibilità di scelta

Siete compratori compulsivi soggetti al fascino di sconti e promozioni, oppure vi capita più spesso di essere additati come gli spilorci della situazione?
Eppure ad ognuno di noi è capitato qualche volta di domandarsi come risparmiare sulla spesa. Che poi economizzare non vuol dire mica necessariamente rinunciare alla qualità o ridurre le quantità dei propri acquisti! Il risparmio deriva anche dal non sprecare e dal fare una spesa intelligente. Consumo consapevole, una buona strategia degli acquisti e qualche trucchetto per sapere dove conviene comprare sono gli ingredienti di un significativo risparmio netto.

Come risparmiare

Fare la spesa è un’arte. E non si tratta solo di risparmio, ovvero di spendere bene avendo a disposizione budget limitati, ma anche di consumo consapevole. Il consumo critico o consumo responsabile dovrebbe essere infatti il principio guida delle nostre scelte e passare da una modalità d’acquisto ad un vero e proprio stile di vita. Per fortuna molti di noi già orientano i propri acquisti in base a criteri ambientali e sociali, considerando le modalità di produzione del bene, il trasporto, lo smaltimento e le caratteristiche del soggetto che lo produce.

Ma potremmo fare di più, come ad esempio sostenere pratiche di recupero – riuso e auto produzione e utilizzare tutte le possibilità offerte dalla sharing economy. Ciò nonostante, quanti di noi fanno davvero tutto ciò? Ci vuole tempo e costanza per fa sì che certe scelte e soluzioni diventino davvero abitudini. Eppure ragionare sui nostri consumi ci porta a eliminare gli sprechi ma anche ad ottenere un risparmio netto.

Strategia degli acquisti

Ma come risparmiare sulla spesa se siamo presi da 3000 attività ogni giorno e andiamo sempre di corsa?
Avere una buona strategia è un requisito fondamentale per ottimizzare tempi e costi.
I principi di base per una spesa intelligente sono:

– Mai entrare al supermercato di corsa, soprappensiero o a stomaco vuoto

La fretta, una particolare preoccupazione o il senso di fame possono farci prendere decisioni avventate.

– Fare una lista della spesa

Dovremmo riuscire a controllare quali prodotti ci servono veramente. Possiamo valutare cosa c’è in dispensa e cosa potremmo mangiare nei prossimi giorni. Inseriamo in elenco cibi sani che possano garantirci una dieta sana e bilanciata. Non dimentichiamoci di verificare se avremo impegni particolari che richiederanno acquisti specifici di materiali o generi alimentari. Aggiungiamo in lista qualche alternativa per le emergenze, ma senza esagerare.

– Leggere le etichette

Conoscere il contenuto nutrizionale del prodotto che acquistiamo ci aiuta ad impostare una sana alimentazione. La data di scadenza, invece, è fondamentale per evitare sprechi e non consumare cibi deteriorati.

– Non farsi abbindolare da promozioni e offerte

Scegliere i prodotti in offerta solo se hanno costi veramente vantaggiosi e servono realmente, la parola chiave è selezionare. Di solito i prodotti scontati sono posizionati all’inizio del locale. Tuttavia non sempre tali prodotti sono sempre i migliori, né in termini nutrizionali né monetari. Per far attenzione a come risparmiare, a livello economico dobbiamo far attenzione a differenziare ciò che davvero conviene da quello che ci viene offerto solo per convincerci a fare acquisti. Come sappiamo, ci sono studi specifici che indicano la disposizione migliore dei prodotti in un’attività commerciale.

– Non comprare prodotti troppo elaborati e preconfezionati

Comprare prodotti freschi e genuini è sicuramente la scelta migliore. Certo i cibi preconfezionati possono essere provvidenziali in alcune situazioni, ma non facciamola diventare una consuetudine. Un altro modo per risparmiare è ancora quello di preferire gli alimenti sfusi dei distributori automatici presenti in molti negozi. Ciò ci permette di acquistare l’importo esatto di cui abbiamo bisogno, quasi sempre ad un prezzo inferiore rispetto al prodotto confezionato.

– Ricontrollare gli acquisti prima del pagamento

Potrebbe capitare di trovare prodotti non in lista inseriti nel carrello dai nostri piccoli aiutanti. Siamo in compagnia dei bambini o del nostro partner? Vogliamo concedere loro qualche piccola libertà di scelta anche se magari non si tratta proprio dei prodotti più indicati?

– Borse porta spesa riutilizzabili

Scegliamo sacche resistenti e lavabili, risparmieremo e non correremo il rischio di perdere la spesa per la strada. Alcuni sacchetti ecologici di ultima generazione sono, infatti, talmente leggeri e poco resistenti che si corre il rischio di danneggiarli anche solo riempendoli con un paio di prodotti.

Risparmio

Dove fare la spesa

A seconda che si tratti della spesa giornaliera o di quella settimanale, se preferiamo il biologico oppure non vogliamo rinunciare al centro convenienza, ci sono diversi posti in cui possiamo andare ad acquistare.
In un precedente articolo abbiamo già parlato di come la spesa si organizza e delle scelte diverse che possiamo fare a seconda degli aspetti che riteniamo prioritari.
Ogni luogo d’acquisto ha i suoi pro e contro. Dal mercato, al supermercato, il discount o il GAS dovremo rinunciare alla freschezza oppure ai prodotti fuori stagione.
Vi abbiamo già raccontato anche dei Gruppi di acquisto collettivo ma poi ognuno ha le proprie abitudini e alcune sono difficili a morire.

Decideremo in base al prezzo oppure preferiremo pagare un costo netto più alto ma per una maggiore qualità. Le scelte variano anche a seconda del tempo che avremo a disposizione. Se dovremo organizzare all’ultimo minuto una cena inaspettata, probabilmente andremo comunque al supermercato più vicino. Magari evitando di pensare a come risparmiare e focalizzandoci solo sull’occasione imprevista. Ma in linea generale è bene provare diversi esercizi commerciali confrontando prodotti e servizi.
E se vogliamo scegliere prodotti bio? Pensate sia impossibile risparmiare preferendo prodotti naturali e sani? Anche per questo è solo questione di metodo

Come risparmiare sui prodotti biologici

I prodotti biologici e biodinamici hanno un costo superiore ma comportano un risparmio netto. Ciò dipende dal fatto che gli alimenti bio hanno una maggiore capacità nutritiva, consentono di saziarsi prima e di rimanere appagati per più tempo. Un organismo che sta bene necessita di meno medicine. I prodotti bio inoltre non hanno costi ambientali.
Il costo più alto relativo ai prodotti bio riguarda la distribuzione. Per questo comprare con la filiera corta, presso spacci aziendali, mercati dei produttori e GAS può rappresentare una scelta intelligente e vantaggiosa.

Coloro che fin ora hanno pensato che i discount avessero solo prodotti di scarsa qualità dovrebbero ricredersi. Diversi canali per l’acquisto di prodotti scontati hanno prodotti bio con caratteristiche di tutto rispetto e con costi molto contenuti.
I principali discount dove è possibile acquistare prodotti alimentario biologici sono: IN’S, Todis, Tuodì, MD, Selex, Penny Market e Lidl.
Inoltre, anche molte delle principali catene di supermercati non discount prevedono linee di alimenti e prodotti bio a prezzi accessibili. Tra questi: Coop, Auchan, Carrefour, Conad, Pam Panorama, Despar, Simply e Crai.

Iscriviti alla newsletter

X