Coronavirus: voucher babysitter e congedo parentale straordinario

Congedo parentale straordinario e bonus babysitter da 600 euro sono presenti nel decreto legge. Ma attenzione, bisogna attivarli. Pubblichiamo in questo articolo le informazioni via via aggiornate
Due belle novità per le famiglie: il Decreto Legge Covid 19 del 16 marzo ha approvato anche il piano che prevede il congedo parentale straordinario e il voucher baby sitter da 600 euro a disposizione di genitori che lavorano.

Gli aiuti alle famiglie

Scuole chiuse da settimane e poche certezze sulla riapertura. Se i genitori hanno cercato di improvvisare per i primi giorni, ora c’è una risposta concreta: il congedo parentale straordinario, di 15 giorni, al 50% della retribuzione.

Se non si vuole accettare il dimezzamento dello stipendio, si può chiedere il bonus da 600 euro per pagare la baby-sitter.

Nell’uno e nell’altro caso, però, bisogna ricordarsi che per usufruirne è necessario attivarsi direttamente, svolgendo le pratiche necessarie.

Per usufruire dei 600 euro di bonus è necessario che la baby sitter sia abbia un regolare contratto, registrato sul sito Inps.

Per sostenere queste misure lo Stato stanzia 700 milioni. Sia i congedi parentali che il voucher baby sitter sono misure retroattive, che possono essere utilizzate a partire dal 5 marzo. Quindi i genitori che hanno preso altre forme di congedo, possono riconvertire i giorni in queste nuove modalità e farseli retribuire al 50%, con maggiore convenienza.

Coronavirus: il congedo parentale straordinario

Cominciamo dal congedo parentale straordinario: equivale a 15 giorni retribuiti al 50% del normale importo dello stipendio. Vale ovviamente per tutti i genitori dipendenti pubblici e privati, con figli fino a 12 anni di età, compresi i genitori iscritti alla Gestione separata Inps (Co.co.co e Partite Iva). I 15 giorni sono frazionabili e cumulativi. Non possono usufruirne in contemporanea entrambi i genitori: si fa uno per volta.

Se i figli sono disabili non c’è limite di età. Chi ha figli tra i 12 e 16 anni ha diritto al congedo straordinario, ma senza retribuzione.

Inoltre, se un genitore non si presenta al lavoro per il periodo di chiusura delle scuole, non può essere licenziato e ha diritto alla conservazione del posto di lavoro, purché l’altro genitore non benefici del congedo o di modalità di smart work.

Il congedo parentale è riconosciuto dal datore di lavoro, ma per capire come bisogna attendere i regolamenti Inps.

Coronavirus: voucher Baby sitter

Se i genitori lavoratori non possono assentarsi dal lavoro, il Governo prevede il voucher baby sitter. L’importo previsto è pari a 600 euro complessivi. E’ riservato ai genitori lavoratori dipendenti (entrambi lavoratori) che hanno figli al di sotto dei 12 anni di età. Sale a 1.000 euro se i genitori fanno parte del personale sanitario (medici, infermieri, esperti di laboratorio in servizio).

L’assegno è erogato attraverso il “libretto famiglia”, un libretto nominativo che contiene assegni da 10 euro utilizzabili per compensare attività lavorative di durata non superiore a un’ora. Questo è il modo migliore per pagare i lavoretti domestici saltuari. Normalmente si acquista con un versamento sul “Portale dei pagamenti” Inps. Per ritirare i soldi, la baby sitter deve a sua volta registrarsi alla piattaforma tramite il servizio online dedicato.

In attesa  che vengano comunicati i meccanismo di rimborso, conviene prendere confidenza con questi strumenti, se non si conoscono e munirsi delle credenziali per l’identità digitale SPID, gratuita e utilissima in molte altre occasioni.

Leggi anche

Detrazioni e bonus 2020, le novità per risparmiare

Iscriviti alla newsletter

X