Costruire un percorso sensoriale, in giardino o a casa

Il tatto è il primo tra i sensi a svilupparsi, fin da dentro la pancia. Da piccolissimi i bambini cercano il contatto e lo provano su superfici diverse coi piedi e con le mani, per testare, scoprire, conoscere e conoscersi. I giardini o percorsi sensoriali sono uno spazio sicuro e una opportunità di scoperta dei materiali e della natura. Sono facilissimi da fare in giardino, in cortile ma anche dentro casa.

Come costruire un giardino sensoriale

Se avete un giardino, tracciate i limiti del percorso sensoriale e delimitatelo con dei mattoni, come per creare un sentiero. Dividete il percorso in diverse sezioni, come se fossero delle vasche una dietro l’altra, e coprite il fondo di ogni sezione con sacchetti impermeabili. In ogni vasca versate e distribuite materiali diversi, alternando e variando il più possibile per rendere davvero sensoriale l’attraversata. Cercate materiali che possano essere facilmente sostituiti senza che siano fissati a terra, visto che la scoperta prevede il tatto, il pastrocchio, il travaso e che i materiali naturali si deteriorano anche in poco tempo.

Che materiali usare

Si può usare di tutto per riempire ogni vasca del percorso. Meglio i materiali naturali e fate attenzione alla dimensione, a seconda dell’età dei bambini. Servono i mattoncini o delle assi di legno per delimitare il percorso. Per riempire invece potete usare ciottoli, sabbia, foglie, ghiande, rametti di legno, foglie, tappi di sughero, paglia, fieno, acqua. Bellissime anche le vasche di fiorellini o di erbe aromatiche come menta, salvia, maggiorana o basilico.

I benefici del percorso sensoriale

I giardini sensoriali fanno bene ai bambini ma anche agli adulti. Un percorso di scoperta di questo tipo può sollecitare in modo delicato e rispettoso il tatto ma anche la vista, l’udito e l’olfatto. I bambini scoprono camminando gli odori della natura, il rumore che i passi nelle diverse vasche fanno a seconda del materiale che pestano. Il sentiero favorisce la crescita e lo sviluppo del bambino a livello motorio e sensoriale e rilassa anche gli adulti.

Il percorso mobile o dentro casa

Se non avete spazio all’esterno o non volete occuparlo in modo fisso, potete creare percorsi sensoriali provvisori e mobili, anche dentro casa. Basta prendere delle vaschette basse, che i bambini possano facilmente scavalcare per entrarci, anche le teglie di alluminio per il forno possono andare bene. Mettetele una dietro l’altra e riempitele di quello che credete. Altra soluzione, più pulita e meno disordinata, è quella di realizzare un tappeto su cui cucire tante superfici di diversa natura: pelo, pile, seta, reti, mollette, tappi di sughero e tanto altro!

Iscriviti alla newsletter

X