In Lussemburgo con i bambini

Il Lussemburgo quest’anno celebra i 25 anni di Patrimonio Unesco: l’occasione per visitare questa regione anche con i bambini.

Vengono celebrati quest’anno i 25 anni di Patrimonio UNESCO del Lussemburgo, un’occasione per visitare questa terra. Tante le proposte per questo anno di celebrazione, anche a misura di bambino.

Celebrare i 25 anni di Patrimonio UNESCO del Lussemburgo 

Il Granducato festeggia quest’anno il 25° anniversario dell’iscrizione della città vecchia di Lussemburgo tra i Patrimoni dell’Umanità UNESCO e per celebrare questo evento è stato elaborato un ricco programma di iniziative che dureranno un intero anno. I luoghi visitabili Patrimonio Unesco in Lussemburgo sono la Città Vecchia della Capitale, tra cui le Casematte, una rete di gallerie sotterranee scavate nel promontorio roccioso della città nel 1644; la mostra fotografica The Family of Man, di Edward Steichen ospitata oggi dal Castello di Clervaux e per anni esposta in tutto il mondo; la Processione danzante di Echternach, Patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO dal 2010.

Visitare le Red Rocks

Grazie a un enorme progetto di riconversione, quest’area (per molti anni riferimento industriale della regione, che ha nel tempo vissuto un progressivo declino e abbandono) è oggi un monumento al modernariato industriale: dalle industrie alle abitazioni, dalle fornaci ai campus universitari e ai centri commerciali, passando per musei, installazioni, skate park, attrazioni per bambini e percorsi da seguire in mountain bike. Una zona in costante fermento, piacevole e oggi molto vivibile.

Lussemburgo: in armonia con la natura

Il Lussemburgo pare la meta ideale per gli amanti del trekking e per fare lunghe passeggiate immersi nella natura. Sono tantissimi i percorsi in mezzo a pianure e boschi, formazioni rocciose, ruscelli serpeggianti e flora colorata. Per gli appassionati di ciclismo sono a disposizione 600 km di piste ciclabili e 700 km di piste per mountain bike. Tante anche le offerte per praticare anche sport acquatici, al lago o al fiume. Il Lussemburgo è ricco anche di meravigliosi parchi, giardini aperti al pubblico e riserve naturali, ideali per l’escursionismo.

Più di 50 castelli in uno dei paesi più piccoli del mondo

Grandi castelli restaurati e maestose rovine di antichi manieri narrano la storia del Granducato del Lussemburgo. L’imponente castello di Vianden rivive ogni anno con mercati tradizionali e feste medievali, riportando al presente i momenti in cui era abitato da signori e cavalieri. Nella regione delle Ardenne si possono visitare anche i castelli di Bourscheid o Esch-sur-Sûre. La regione Guttland, con i suoi villaggi con antiche case coloniche e imponenti castelli, è caratterizzata da un grande patrimonio storico grazie ai siti gallo-romani, ai musei rurali ma soprattutto grazie alla Valle dei sette castelli: un viaggio indietro nel tempo che si estende per oltre 24 chilometri e che comprende numerosi castelli da visitare.

I parchi divertimento per bambini

I piccoli esploratori avranno l’imbarazzo della scelta: oltre alle attività all’aria aperta e in mezzo alla natura, ci sono tanti parchi tematici e divertimento. Il Parc Merveilleux di Bettembourg è un grande parco divertimenti (ben 25 ettari) dove immergersi nel mondo magico delle fiabe. Oltre alle fiabe, i visitatori possono osservare da vicino pellicani e fenicotteri rosa vicino al lago, andare alla ricerca di scimmie e coccodrilli e ammirare la grazia dei pinguini sott’acqua. I bambini possono poi scalare una ragnatela gigante e vedere il mondo dall’alto, perdersi nel buio di un labirinto e allo stesso tempo imparare tante cose sugli animali della foresta.

Le antiche miniere di rame

Per gli amanti dell’avventura, da non perdere è la visita alla scoperta delle antiche miniere di rame del Lussemburgo. La vecchia miniera, in disuso ma per fortuna non abbandonata, risale a quasi 500 anni fa e si trova 50 metri sotto la superficie. Scendendo per le scale della miniera e per stretti cunicoli sotterranei è possibile vedere le vene di rame sulle pareti di roccia puntellate con travi d’acciaio. I piccoli esploratori saranno entusiasti di scoprire tante curiosità sul duro mestiere del minatore!

Arrampicata e bicicletta per tutte le età

Per gli appassionati di arrampicata il Parc Le’h Adventures Dudelange dispone di 4 diversi percorsi e attività per tutte le età, completamente immerso tra alti alberi e natura. La pista bianca è per i bambini dai 4 anni, la pista verde per i bambini sopra i 9 anni, quella blu per i bambini sopra gli 11 anni e la pista rossa per i giovani ragazzi sopra i 16 anni. Per i camminatori, il Sentiero escursionistico per bambini di Bech, nella regione del Mullerthal, è perfetto. Un percorso didattico lungo 5.5 Km, per conoscere gli animali della foresta e andare alla scoperta del Lussemburgo giocando. Sempre a Bech, sono allestiti e segnalati diversi tracciati per mountain bike e mini-bike.

Lussemburgo: natura e storia

Per gli amanti della natura e delle antiche tradizioni è possibile trascorrere una giornata al Robbesscheier Tourist Center, con la sua ampia varietà di attività all’aperto. Un vero e proprio “viaggio nel tempo”, con laboratori interattivi per scoprire lo stile di vita dei nostri antenati: dalla vita dei contadini, alla creazione di un ferro di cavallo, fino alla scoperta di come l’apicoltore alleva le colonie di api e come si produce il miele. Tra le tante attività, è possibile anche provare ad utilizzare vecchi macchinari agricoli o visitare un’antica segheria. Chi ama la natura non può perdere il Museo di Storia Naturale, nella città di Lussemburgo. Dieci nuovissime sale con postazioni interattive per raccontare le diverse regioni lussemburghesi, i paesaggi e lo sviluppo della vita sulla terra sin dall’origine dell’universo.

Come arrivare

In aereo il volo è molto breve. La Luxair è la compagnia di bandiera che collega il Lussemburgo con Milano, Roma e Venezia tutto l’anno; con Bari, Napoli, Rimini, Lamezia Terme, Palermo, Catania, Olbia e Cagliari durante la stagione estiva (in arrivo anche i collegamenti con Firenze e Brindisi). I voli arrivano all’areoporto internazionale, a 5 km dalla capitale. Le alternative, un po’ più scomode per chi viaggia coi bambini soprattutto se si hanno pochi giorni a disposizione, sono volare su Francoforte Hahn in Germania (115 km dalla capitale, un’ora e mezza in pullman) o su Charleroi in Belgio (195 km dalla Città di Lussemburgo, due ore e mezza in pullman). È possibile raggiungere il Lussemburgo anche in treno o in pullman, ma i viaggi sono molto lunghi e spesso prevedono cambi. Internamente il Lussemburgo è servito molto bene, anche se potrebbe essere il paese ideale da visitare in bicicletta, lentamente e in massimo relax.

[codepeople-post-map id="97221"]

Iscriviti alla newsletter

X