“The Let Down”, la serie tv che piace tanto alle neomamme

Parlare di post parto e maternità in maniera ironica e realista è possibile? Sì.
Questo succede in The Let Down, serie tv australiana disponibile su Netflix. Qui non si tace su nulla: depressione, vita sessuale da ritrovare, incontinenza, notti in bianco, memoria che se ne va, accettazione del nuovo ruolo, lavoro da reinventare, padri tuttofare o eterni Peter Pan. Il tono è ironico, ma non superficiale, leggero il giusto, a tratti malinconico e riflessivo.

La storia ruota intorno a Audrey, neomamma di Stevie (a dispetto del nome è una femminuccia), e delle sue compagne al corso post parto, ognuna con una storia che si sviluppa puntata dopo puntata. Gli episodi disponibili sono sette, in lingua originale ma sottotitolati.

Perché ci è piaciuto?

Perché Audrey e le sue amiche fanno esattamente quello che ogni neomamma fa: piangono, vanno in giro a volte stanchissime e con i vestiti macchiati di rigurgito, sono combattute tra il ritornare al lavoro per riacquistare la propria identità e allo stesso tempo soffrono per il distacco dal bimbo. C’è abbondante uso di tiralatte, si parla di perineo, di ragadi, ci sono birre bevute di nascosto anche se si sta allattando e tutti dicono sarebbe meglio non farlo, c’è la suocera impicciona, l’amica che non ha figli ma che da consigli su come crescere quelli degli altri, passeggini che non si aprono, supporti ergonomici e bambini portati fronte mondo. Insomma, un perfetto ritratto di quel che vuol dire diventare genitori al giorno d’oggi. Gli episodi volano via uno dietro l’altro e mentre si guardano si ride, un po’ ci si commuove e ci si immedesima.

A chi lo consigliamo?

Ai futuri genitori, nonni o zii di bimbi piccoli, ma soprattutto alle neomamme. Gli episodi sono perfetti da guardare durante le poppate per sentirsi un po’ meno sole e capire che quel senso di spaesamento, quando in casa arriva un bambino, in fondo è normale.

Il plus? Ruben, il papà che decide di restare a casa col figlio mentre la moglie Ester torna a dirigere la sua azienda.

Iscriviti alla newsletter

X