Infini.to – Il Planetario di Torino

da | 1 Mar, 2023 | Partner

Toccare, fare, imparare: un museo dove protagonista sei tu

Sulla collina di Torino esiste il “Paese delle Stelle”: ci troviamo a Pino Torinese, immersi in un bellissimo bosco, dove scienziati e astronomi hanno trascorso le loro ore a osservare il cielo aspettando di scoprire cose sempre nuove. Accanto alla sede storica dell’Osservatorio Astrofisico di Torino e, da più di 14 anni, si trova Infini.to.

Infini.to è un posto speciale, progettato per raccontare com’è fatto il nostro Universo attraverso l’esperienza, l’emozione, il gioco. Perché divertirsi è il modo migliore per iniziare a imparare e a coltivare una passione. È composto da un Museo interattivo dell’Astronomia e dello Spazio e da un Planetario digitale.
Ogni angolo di Infini.to racconta qualcosa della straordinaria avventura che l’esplorazione dello Spazio rappresenta per l’uomo, fin da quando iniziò a studiarlo, alzando gli occhi al cielo.

Vietato non toccare!

I visitatori che solcano le porte di Infini.to sono tanti, di tutte le età e arrivano da diverse parti del nostro bellissimo pianeta. Ma tra tutti coloro che solcano le porte di Infini.to c’è un gruppo di “scienziati” che sta particolarmente a cuore allo Staff: i bambini! 
Ai visitatori più giovani Infini.to dedica tante attività: gli spettacoli del Planetario pensati e realizzati appositamente per i piccoli, gli exhibit giocosi, i laboratori
Nel Museo, organizzato su quattro piani, possiamo sperimentare in prima persona le leggi che governano l’Universo con tante postazioni ideate per poter giocare con la scienza. Qui vale una sola regola: vietato non toccare!
Possiamo guardare la nostra immagine su uno “specchio magico”, compiere una missione come veri astronauti, ruotare come fanno i pianeti intorno al Sole. Possiamo anche immaginare di indossare tuta e casco e viaggiare verso la Luna dove provare a saltare sentendoci leggeri come succede agli astronauti. All’interno di Infini.to esiste una passeggiata davvero unica su un meraviglioso tappeto di stelle che fanno parte della nostra Galassia, la Via Lattea.
In alcuni weekend e in alcuni momenti dell’anno i bambini possono trasformarsi in veri ingegneri spaziali costruendo rover e razzi all’interno dei Funlab, un luogo dove possono mettersi in gioco con creatività e farsi coinvolgere in stimolanti attività STEM. Un luogo unico dove possiamo imparare divertendoci!

Viaggiare tra stelle e pianeti

A Infini.to troviamo anche il Planetario digitale, un cinema veramente speciale dove le stelle si vedono anche di giorno. Seduti comodamente sulla nostra poltrona e con il naso all’insù, ci ritroviamo all’improvviso in una notte stellata e viaggiamo tra stelle, galassie e pianeti, cavalcando sonde o sorvolando pianeti. Qui si fa conoscenza con personaggi divertenti ed esperti viaggiatori spaziali, come l’orso Vladimir e il pinguino James, che non vedono l’ora di far salire i bambini sulla loro astronave Polaris e partire insieme a caccia di misteri sempre nuovi da risolvere!
Infini.to è anche online…. Da alcuni anni lo Staff ha creato un canale dedicato ai più piccoli. Sulla pagina di Youtube troviamo video e approfondimenti su tantissimi argomenti e attività da fare a casa in famiglia. 

Sirio, la guida che scodinzola

Per visitare ed esplorare il Museo i bambini possono farsi aiutare anche dalla guida che scodinzola: Sirio, un cagnolino spaziale che accompagna le famiglie attraverso i vari piani con descrizioni e approfondimenti pensati appositamente per i più piccoli. Sirio è un cagnolino molto pigro perché di notte dorme poco. Gli è stato raccontato che viene dallo Spazio e quindi ama passare le ore a osservare il cielo notturno… Così inizia la favola di Sirio, un percorso ideato specificamente per le famiglie con bambini dai 3 ai 6 anni: una storia da leggere insieme ai bimbi, accompagnandoli così alla scoperta dello Spazio e degli esperimenti presenti nel Museo. Le famiglie possono chiedere la guida di Sirio in biglietteria: durante la visita, quando trovano l’adesivo di Sirio su una delle installazioni interattive possono cercare tra le pagine il racconto che le illustra. La guida contiene anche disegni da colorare e il gioco delle costellazioni, per ritrovare Sirio nel cielo la sera!
Ma non è tutto: il simpatico Sirio è anche protagonista di un libro, di uno spettacolo in Planetario e di una miniserie, I viaggi di Sirio. 

In visita con bambini e ragazzi: info utili

Bambini e ragazzi sono un pubblico straordinario, incantato dallo spettacolo dell’Universo e desideroso di scoprire le leggi che lo governano. Buono a sapersi: per chi si reca in visita con un passeggino o per i disabili, l’accesso a tutta la struttura è privo di barriere architettoniche. Per i bambini da 0 a 2 anni sono gratuiti sia l’ingresso al Museo sia gli spettacoli in Planetario omaggio. Grazie all’iniziativa del Passaporto Culturale anche i genitori dei bambini con meno di 1 anno hanno diritto all’ingresso gratuito al Museo interattivo. Il bagno situato al piano -3 è dotato di fasciatoio. Per i bambini da 3 a 5 anni sono gratuiti l’ingresso al Museo e uno spettacolo al Planetario. Per bambini e ragazzi da 6 a 11 anni c’è l’ingresso ridotto che comprende visita libera e uno spettacolo in Planetario. Ingresso ridotto anche per i ragazzi da 12 a 18 anni. A loro sono rivolti gli appassionanti Laboratori STEM in cui dare spazio a creatività e fantasia. Il Planetario mette a disposizione gli attrezzi e il materiale: ai giovani il compito di portare a termine la missione proposta dallo Staff. Non servono nozioni specifiche, solo la voglia di mettersi in gioco! Ogni mese un’attività tutta da scoprire e provare: la programmazione completa si trova qui.

www.planetarioditorino.it

Infini.to | Planetario di Torino
Via Osservatorio, 30 – Pino Torinese TO

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Criticare e correggere: è proprio necessario? 

Focalizzarsi sull’errore, criticare e giudicare non aiuta a crescere. Esiste un metodo alternativo per relazionarci con i nostri figli? L’intervista a Carlotta Cerri, creatrice di La Tela ed Educare con calma