Ottimi risultati per l’estate turistica 2022

da | 18 Ott, 2022 | Regione Piemonte

La ripresa del turismo in Piemonte iniziata ad aprile ha trovato conferma in un’estate dal bilancio molto positivo: incremento del 27% di arrivi e del 28% di presenze rispetto all’anno precedente e movimenti turistici nettamente superiori anche all’estate 2019: +7%. I volumi della stagione sono stati trainati dal turismo estero (+58%) e dal turismo nazionale dalle regioni più lontane.
Numeri confermati anche dall’aumento delle recensioni on-line: +32,4% per il comparto ricettivo, con commenti che riflettono la soddisfazione del cliente del prodotto turistico piemontese, maggiore rispetto al dato complessivo del prodotto Italia: 86,6% contro 85,7%.
Il monitoraggio della spesa del primo semestre 2022 conferma i movimenti dall’estero: sul territorio montano delle grandi stazioni sciistiche si riconduce sostanzialmente al mercato francese (44%) e nel Verbano al mercato tedesco (39%); mentre nella città di Torino risulta più distribuita: mercato inglese (13%), mercato svizzero (13%) e poi francese (12%).

“In linea con le previsioni della scorsa primavera, l’estate 2022 ha confermato la piena ripresa del turismo in Piemonte, segno sicuramente della ritornata voglia di viaggiare e fare vacanza ma anche dell’efficacia delle attività di promozione e comunicazione – sottolinea l’Assessore alla Cultura, Turismo e Commercio della Regione Piemonte, Vittoria Poggio – È altresì importante rilevare l’importante contributo del ritorno del turismo estero e la sempre positiva soddisfazione espressa dalle recensioni online, maggiore anche di quella relativa al prodotto Italia. Con i dati positivi che provengono dalle prenotazioni, guardiamo con rinnovato ottimismo all’autunno, anche grazie alla nuova campagna voucher vacanza partita a settembre”.

www.regione.piemonte.it/web/pinforma/notizie/ottimi-risultati-per-lestate-turistica-2022

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista