Punture di insetti? No grazie, ci sono gli antizanzare!

Scegliamo gli antizanzare: che vacanza sarebbe senza una cena all’aperto, un falò sulla spiaggia o un picnic sul prato? Sono momenti che amiamo e non vogliamo rinunciarci!

Senonché – puntuali – arrivano i dispettosi insettini a rovinarci tutto. Succede sempre, ma quest’anno no! Il trucco per non farsi rovinare le vacanze dal prurito è organizzarsi in anticipo.

Cautela nella scelta del repellente

Le punture di insetti possono essere fastidiose per i bambini e lo sono sicuramente per i genitori che devono gestire l’emergenza.

“Gli insetti mordono o pungono le parti scoperte del corpo a seconda della stagione – dice Giancarlo Corti, pediatra -. Le punture non vanno sottovalutate perché possono portare reazioni allergiche, fino allo shock anafilattico”.

Come comportarsi nel caso in cui un bimbo venga punto o morso da un insetto?

“I neonati possono essere protetti a partire dai due mesi di età con prodotti molto delicati a base naturale.

Per i bambini di età inferiore ai 6 mesi è consigliato evitare i prodotti che contengono dietiltoluamide (dEEt), il repellente per insetti più comune. Al suo posto si possono usare prodotti a base di estratti naturali e ovviamente, durante le ore passate a casa, le zanzariere.

In generale le linee guida del Ministero della Salute sconsigliano l’uso di prodotti insettorepellenti con principi attivi al di sotto dei 3 anni di età.

Un discorso a parte va fatto per chi programma viaggi impegnativi in zone rurali infestate da zecche oppure nelle parti del mondo in cui sono attivi agenti patogeni trasmessi da insetti vettori”.

La borsa salvavacanze

Acquistiamo due o tre capienti beauty case.

In uno mettiamo i prodotti per l’igiene, in un altro le creme per la protezione solare e i doposole, nel terzo il kit per la protezione contro insetti e zanzare.

In questo modo avremo a disposizione il prodotto giusto in ogni occasione e – in puro stile montessoriano – sapremo con esattezza dove riporlo, pronto per un nuovo utilizzo.

“Il modo migliore per evitare le punture di insetti è organizzarsi bene prima di partire – continua il dottor Giancarlo Corti -. Un giro di shopping al supermercato è sufficiente per rifornire quel che serve per le vacanze di tutta la famiglia.

Un unico consiglio medico: l’applicazione di creme al cortisone va fatta solo su indicazione specifica del pediatra”.

Quali prodotti antizanzare mettere in borsa?

In valigia mettiamo la lozione o – meglio – una buona scorta di salviettine insettorepellenti per adulti e quelle specifiche per i bambini. Serve sicuramente una crema dopopuntura.

Ancora più efficace se, oltre a lenire la pelle irritata, si prevengono futuri fregamenti con dei pratici cerotti dopopuntura.

Per la casa delle vacanze e anche per la camera d’albergo portiamo uno o più emanatori elettrici a piastrine e una confezione di spirali insetticida per esterni (utile per il picnic, per la giornata a bordo piscina o per la cena all’aperto). Ricordiamoci infine un accendino o un pacchetto di fiammiferi.

Se si hanno bimbi piccoli che dormono in carrozzina o passeggino, acquistiamo una zanzariera universale che si adatta a ogni tipo di culla, passeggino e ovetto.

Una zanzariera universale su misura per i lettini da viaggio o da campeggio risolve egregiamente il problema degli insetti notturni.

Iscriviti alla newsletter

X