La banana

Musa paradisiaca: questo è uno dei tanti nomi botanici, sebbene di una tipologia oggi in disuso. La banana (frutto del banano, pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Musaceae) è un alimento eccezionale, nutriente, versatile, rinforzante, sostanzioso e con un basso contenuto di grassi. Le banane si mangiano al naturale oppure essiccate. Sono la base ideale per la preparazione dei frullati: assieme a una pera o una mela diventano una gustosa e dissetante bevanda. La consistenza della polpa le rende comodissime nella preparazione di sfiziose mousse, magari insieme a mirtilli e uvetta o lamponi e more. In commercio si trovano anche le banane essiccate, con un apporto calorico più alto perché l’essicazione diminuisce la quantità d’acqua e aumenta, grazie alla fermentazione, la concentrazione di zucchero. Le rondelle essiccate sono ottime per uno spuntino veloce e quando si è impegnati in attività dispendiose dal punto di vista calorico. Da preferire sempre le banane biologiche e, se essiccate, quelle senza zuccheri aggiunti. Per ottenere il massimo da tutti i nutrienti presenti, la banana deve essere mangiata matura (questa regola nutrizionale vale per tutta la frutta). Essendo un frutto dolce a digestione lenta, le banane al grado di maturazione ottimale si riconoscono facilmente: la buccia deve essere gialla e ricoperta di macchioline nere; essendo un frutto climaterico, cioè uno di quei frutti che matura anche dopo essere stato separato dalla pianta, può raggiungere l’aspetto anche giorni dopo la raccolta. Per le sue proprietà nutritive e la comodità di consumo, la banana è indicata per chi fa sport e svolge attività faticose. Ricca di vitamine (A, B1, B2, B6, C, PP, e anche, sebbene in quantità più esigue, vitamina E), è utile al sistema cardiovascolare perché aiuta a tenere sotto controllo la pressione sanguigna, grazie all’alta presenza di potassio. Questa caratteristica, che la contraddistingue, la rende particolarmente adatta nelle discipline sportive di resistenza e per scongiurare l’insorgenza dei crampi. Oltre agli zuccheri, carboidrati e potassio, nelle banane si trovano buone quantità di altri minerali, come il fosforo e il ferro. In comune con molti altri frutti, ha poi un ruolo nella stimolazione della produzione di serotonina, l’ormone del buon umore. Tra le varietà più diffuse ci sono le banane Cavendish, dalla buccia sottile (una delle più vendute) e le Grand Nain, conosciute come Chiquita. Ne esistono poi altre, non sempre facili da trovare, più delicate e poco adatte al trasporto e ai lunghi spostamenti, ma reperibili nei mercatini e nei negozi di esotiche curiosità.

[Mario Bettas Valet]

logo giovani genitori footerFOLLOW US ON
Giovani Genitori

è la rivista dedicata alle famiglie eco e slow. Informazione fresca e il giusto sorriso per riportare notizie ed eventi utili, dedicati a entrambi i genitori e ai bambini dai primi anni di vita fino all'adolescenza.

Espressione Srl - P.iva 09319220019

Iscriviti alla newsletter

X