Spaventapasseri fai da te per rendere più allegri orti e balconi

Per creare un bello spaventapasseri fai da te autunnale non è necessario un campo di grano dorato o un orto baciato dal sole, con i pomodori e gli zucchini pronti per essere raccolti. Il pupazzo “tutto paglia” rende colorati e allegri giardini e balconi, orti e terrazzi nei mesi freddi, “custodendo” accuratamente semi e semini in attesa della nuova primavera. Lo spaventapasseri fai da te autunno-inverno deve sfidare freddo e umidità: è dunque opportuno attrezzarlo con una bella “testa” impermeabile, eventualmente proteggerlo con un grande cappello che rimanga ben saldo e che non faccia colare pioggia e neve sull’infreddolito ometto!

La ricerca dei vestiti può essere una caccia al tesoro tra i vecchi bauli della soffitta o armadi di casa : camicioni oversize, cappello fuori moda o pantaloni arditamente colorati sono perfetti. Per iniziare serve una canna di bambù di circa tre metri, da cui si ricavano due pezzi, uno di 1,2 metri di lunghezza e l’altro di 1,8. Anche due vecchi manici di scopa o del legno di recupero vanno benissimo, basta rispettare le misure indicate. Incrociate la metà più corta a circa 30 cm dalla cima di quella più alta e legate insieme i due pezzi con dello spago, con una legatura salda e robusta. Collocate sullo “scheletro” costruito una vecchia camicia, idealmente a quadri, quindi imbottite usando paglia, foglie secche, stracci o carta di giornale. Per creare le mani, si infilano dei guanti all’estremità del lato corto fissandoli bene con elastici o spago. Si passa poi a infilare un vecchio paio di pantaloni, da imbottire ben bene e legare in due punti, in fondo e in vita: ecco le gambe! Per i piedi due calzini imbottiti andranno benissimo, meglio se spaiati, colorati e fantasiosi.

Lo spaventapasseri sta prendendo forma ma non ha ancora la testa. La si può realizzare riempiendo una federa con la paglia, disegnando la faccia con pennarelli, bottoni per gli occhi e dei fili per la bocca. O con un bottiglione di plastica per l’olio o il vino, in questo caso avrà anche il collo! Tocco finale: i capelli, da applicare per esempio con la colla a caldo. Riccioli di lana corti o lunghe trecce di lana? Ora lo spaventapasseri è pronto per essere posizionato in balcone o in giardino e non scordatevi di dargli un nome! Queste sono le misure per un grande spaventapasseri fai da te da orto e da giardino, ma se ne possono costruire anche di più piccolini per il balcone, utilizzando spiedini, piccoli bastoni in legno o gli stecchini del ghiacciolo.

[Marta Vitale Brovarone]

Iscriviti alla newsletter

X