I libri per l’inizio della scuola primaria

Ecco alcuni libri da leggere insieme ai bambini e le bambine che iniziano in questi giorni la scuola primaria

Che emozione il primo giorno di scuola primaria! Che sia con il grembiule o no, che sia senza zaino, nel bosco o in una scuolina. È una scuola diversa quella primaria, forse (purtroppo) meno giocata ma sempre giocosa, o almeno si spera. Si fanno nuove amicizie, si conoscono nuove maestre, e quest’anno sarà ancora più emozionante dopo così tanti mesi a casa e senza una vera e propria fine del ciclo della scuola d’infanzia. Chi più e chi meno i bambini vivranno un nuovo salto. Ecco qui qualche libro per aiutarli e accompagnarli in questa nuova avventura.

Oh quante cose vedrai, Mondadori

Congratulazioni! Oggi è il tuo giorno. Sei in cammino verso Luoghi Importanti. Cammina, vai avanti!”.

Questo meraviglioso illustrato Dr Seuss non parla di scuola; ma è un incoraggiamento ad andare avanti, a crescere, a viaggiare, a essere curiosi e scoprire. È un viaggio che mette il bambino al centro, capace di decidere dove andare, come e quando. Ogni viaggio, ogni scelta, ogni situazione potrà prevedere montagne alte e grandi ostacoli. Avanti, bambini (e adulti!), avanti a testa alta, decisi ad affrontare le difficoltà per raggiungere i propri sogni e gli obiettivi. Accogliamo le , la solitudine di alcuni momenti e le timidezze, ma senza che queste ci possano paralizzare. Si, si può fare! Bellissime le illustrazioni, gentili le parole: un augurio che vale sempre e ad ogni inizio.

Mi disegni un piccolo principe?, Babalibri

Infinitamente dolce, “Mi disegni un piccolo principe?” di Michel Van Zeveren, edito da Babalibri è un libro che incoraggia a provare anche quelle cose che si crede di non riuscire a fare. Piccola Pecora crede di non riuscire a disegnare un piccolo principe, non bene come lo fanno tutti i suoi compagni. Un pomeriggio, al ritorno da scuola, chiede alla mamma di farlo al suo posto: lei disegna uno scarabocchio a prima vista privo di significato. “Io preferisco disegnare quello che nessuno vede! Così si guarda il mondo da un altro punto di vista e lo si rende più bello! Giusto?”. Wow, che forte! Preso coraggio, Piccola Pecora comincia a disegnare quello che nessuno vede…e il risultato non è affatto male!

Mr. Scarabocchio, Edizioni Clichy

Che paura di sbagliare ai primi giorni di scuola! Ma l’errore è poi così grave? Mr. Scarabocchio (alcuni lo chiamano anche Errore) è un pasticcio dalla forma confusa e indefinita. Ma bisogna portargli rispetto perché anche lui, come tutto, è nato da un’idea. Anzi, Mr. Scarabocchio può regalare grandi sorprese: l’indefinito è lo spazio per la fantasia e l’errore può essere occasione di infinite e incredibili possibilità. Nel bellissimo libro illustrato di Jim Capobianco e Anna Laura Cantone, edito da Edizioni Clichy, Mr. Scarabocchio nasce da una grossa chiazza sformata di color grigio-marrone. Non assomiglia a un cane e neanche a un gatto; non è un rinoceronte e manco un bradipo: può essere una montagna da scalare o forse un pianeta da esplorare? L’errore allora non è poi così tremendo.

Anselmo va a scuola, Topipittori

Un classico di Topipittori, riproposto per la nuova collana i minitopi, di Giovanna Zoboli e Simona Mulazzani. Un bimbo di cinque anni e nove mesi e un coniglio coetaneo molto agitato e triste all’idea di cominciare la scuola. Con affetto e grande dolcezza, tra i due emergono le paure della nuova avventura, superate e sciolte in modo avventuroso e fantasioso, insieme a lettere parlanti e computer sensibili. Allora, insieme, il timore della scuola passa e si è pronti per iniziare!

A scuola, Principessa!, Topipittori

Già, anche le principesse vanno a scuola! Non potevano crederci, loro, che pensavano di essere esonerate e di poter fare a meno di questo terribile impegno. Provano a contrattare in tutti i modi, giurando di provvedere alle faccende di case o sperando di poter delegare sudditi e consiglieri nelle mansioni più difficili. Sono terrorizzate le principesse, hanno ascoltato racconti tremendi sulla scuola: perfidi presidi e scantinati per il castigo. Eppure, al primo giorno, nulla sembra così terribile..

La maestra è un capitano, Coccolebooks

Un libro leggero, divertente, con le ironiche illustrazioni di Anna Laura Cantone. Lunghetto, non di facile lettura in autonomia per i bambini (è in corsivo e le frasi sono piuttosto articolate), il testo di Antonio Ferrara propone il dietro le quinte della maestra. Racconta la sua stanchezza, i suoi pensieri silenziosi, la sua disperazione dentro e fuori la scuola. Problemi ce ne sono, e mica pochi, e la voglia di mollare tutto a volte è fortissima. Ma i giovani studenti (sono dell’ultimo anno di elementare) riescono a motivarla, stupirla e affascinarla ancora.

Iscriviti alla newsletter

X