La cena sheet pan

da | 22 Set, 2021 | Lifestyle, Tutto food

Preparare un pasto intero utilizzando la sola teglia del forno. Si può! Si chiama sheet pan ed è buonissimo

Cosa c’è di veramente positivo nell’andare al ristorante? Qualcuno risponderà la qualità della cucina, la varietà delle preparazioni, la comodità di restare seduti per tutta la cena. Ma il vero plus, a furor di popolo, è che dopo non ci sono piatti da lavare.

Lo stesso motivo fa adorare la cottura sheet pan, che impazza oltreoceano e che prevede la preparazione di un pasto intero utilizzando un’unica leccarda su cui si informa tutto quel che si deve cuocere: proteine, verdure e persino cereali. 

La leccarda e il forno

Quella grande teglia di alluminio o acciaio ossidabile che accompagna il forno al momento dell’acquisto non sta lì per bellezza: è lo strumento perfetto per cuocere le verdure, la carne, il pesce e anche i cereali, arrostendoli quel tanto che serve per renderli saporiti e croccanti, ancorché sani.

La leccarda va unta con un filo d’olio o – meglio, ai fini della successiva pulizia – coperta con un foglio di carta da forno o un telo di silicone lavabile e riutilizzabile.

Per cuocere bene è utile avere il forno ventilato, ma non è indispensabile. Gli alimenti vanno disposti, già conditi, sulla teglia, che va inserita nel forno caldo, a 200 – 220 °C. 

I tempi di cottura della carne sono di circa 45 minuti. Per il pesce, le verdure e le altre proteine vegetali si abbassano a 20-30 minuti, a cui si possono aggiungere 5 minuti di riposo se non vi piace portare in tavola il cibo bollente.

Questo tipo di preparazione si sposa benissimo con l’uso di spezie e marinate varie. Le verdure, cotte al forno, assumono un aspetto interessante e un dolce sapore caramellato anche solo con un cucchiaino di olio e un pizzico di sale. 

Pollo arrosto con contorno

Partiamo dalle basi: il pollo arrosto. Siate sinceri: da quanti anni non lo preparate? Chiedete al macellaio di fornirvi le parti già divise, nulla vieta che il vostro pollo abbia otto cosce o solo petto. Se vi piace la pellicina croccante, fiammeggiate la pelle sul fornello di casa.

Se siete di corsa, comprate il pollo già spellato. Mettete la carne a marinare, un paio d’ore prima (meglio dal mattino) in olio condito con un trito di erbe aromatiche (rosmarino, salvia, timo, sale e pepe). Massaggiate per facilitare l’assorbimento. 

Al momento della cottura scaldate il forno a 220 °C, disponete il pollo sulla leccarda e cuocetelo seguendo la regola d’oro: un’ora e mezza per ogni chilo di carne. 

40 minuti prima di sfornare aggiungete le patate tagliate a spicchi e, per rendere tutto più saporito e colorato, mettete tocchetti di zucca e di cipolla. Girate il pollo e le verdure una sola volta, a metà cottura. Sfornate quando vedete la croticine abbrustolita, lasciate riposare qualche minuto e voilà. La cena è pronta.

sheet pan

Verdure arrostite

Che ci crediate o no, le verdure al forno piacciono davvero a tutti. Fate il pieno di tutte le verdure di stagione: carote e broccoletti, peperoni, cipolle, zucca e zucchine. Tagliate le verdure lunghe a bastoncino perché si cuociono meglio e assumono subito l’aspetto caramellato.

Condite con un poco d’olio e sale: non serve altro. Mettete n forno a 200 °C per 20-30 minuti e servite come accompagnamento a qualche formaggio fresco che piace ai bambini.

Suggerimenti utili: se in casa abbondano gli schizzinosi, potete cuocere le verdure disponendole a strisce verticali sulla leccarda, così ci si può servire solo di carote e schivare i broccoletti.

Le verdure al forno si conservano perfettamente in frigo due o tre giorni: abbondate nelle porzioni e avrete il contorno anche domani e dopodomani.

sheet pan

Pulled pork & coleslaw salad

Stupiteli con un piatto da veri americani! Il maiale sfilacciato, tenero e succulento, nella tradizione texana viene affumicato sul barbeque per un giorno intero, ma in versione casalinga si prepara benissimo sulla leccarda. 

Quel che vi serve è un chiletto di spalla di maiale e un po’ di spezie con cui preparare il “rub”, cioè la base della marinatura, con paprika dolce (anche affumicata, se vi piace), coriandolo, origano, pepe, uno spicchio d’aglio e un paio di cucchiai di zucchero di canna. Preparate il mix di spezie e massaggiatelo sulla carne che lascerete a marinare una notte intera.

Oleate la leccarda e cuocete l’arrosto a 220 °C per un’ora, coperto da un foglio di carta da forno. Proseguite la cottura scoperto per mezz’ora. Al termine, sfilacciate la carne con due forchette e rimettete in forno a rosolare per 5-10 minuti.

A parte preparate un’insalata con listarelle di cavolo viola e carote grattugiate. Condite con olio, sale, un po’ di maionese e senape (se vi piace). 

Tagliate a metà dei panini e farciteli con uno strato di carne, un po’ di ketchup (o salsa bbq) e uno strato di insalata. Se preferite, evitate il panino e preparate un piatto metà e metà.

sheet pan dinner

Salmone al garlic butter

Anche qui giochiamo sul facile: prendete filetti di pesce già puliti e diliscati: buono il salmone, ma va bene qualsiasi altro pesce. Condite con una marinata di olio ed erbe aromatiche, oppure con l’inglese garlic butter, un’emulsione di burro, aglio, prezzemolo e origano.

Mettete in teglia le verdure: patate a listarelle, asparagi, fagiolini, cipolle, peperoni: tutto quello che vi piace, condito con un po’ d’olio e sale. 

Poiché il pesce cuoce veloce, le verdure vengono meglio se sono state prelessate qualche minuto, ma non è obbligatorio: potete cominciare cuocendo le verdure 5-10 minuti e poi aggiungere i filetti di pesce. In mezz’ora il piatto è pronto. Servite accompagnando con il pane scaldato in forno, volendo condito con il garlic butter: tagliate una baguette e spennellatela con il burro che vi è avanzato.

Mettetela a dorare in forno cinque minuti. La sheet pan dinner a base di pesce è pronta. 

salmone al forno

Feta e verdure

Qualsiasi proteina vegetale risulta più buona se è cotta al forno. Una ricetta sheet pan a base di formaggio da grigliare, come la feta, l’halloumi o il pecorino. Ma sono ottimi anche il seitan o il tofu lasciati marinare una notte intera in olio, salsa di soia e spezie.

Accompagnate la proteina con un sacco di verdure. Più sono colorate, più sono buone: pomodorini, broccolo, cipolle, olive e capperi, oppure peperoni, carote, zucchine, fagiolini, patatine novelle. Aggiungete sempre delle fettine di limone.

Questa preparazione è molto buona anche quando è preparata in forma di spiedini. Cuoce in 20-30 minuti.

Servite caldissimo, irrorando con il sugo profumato delle verdure.

verdure al forno

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

In vacanza sui vulcani

I vulcani sono irrequiete montagne che affascinano grandi e piccini, mete ideali per una vacanza originale

Bambini aggressivi: che fare?

Come riconoscere e gestire un eccesso di aggressività? Gestire i bambini aggressivi mette tutti in difficoltà: i consigli delle psicologhe di Completamenti