La varianza di genere in età evolutiva. Gli incontri dell’ONIG

da | 13 Nov, 2022 | Lifestyle, News

L’ONIG, l’Osservatorio Nazionale sull’Identità di Genere organizza una serie di webinar rivolti a chi opera nella scuola e nel sociale, alle famiglie e a tutti coloro che intendono conoscere e approfondire il tema della varianza di genere in età evolutiva

L’ONIG, l’Osservatorio Nazionale sull’Identità di Genere, fondato nel 1998, organizza degli incontri informativi mensili sul web sulla varianza di genere in età evolutiva. Si tratta di brevi seminari divulgativi tenuti da esperti dell’ONIG e rivolti a chi opera nella scuola e nel sociale, alle famiglie e a tutti coloro che intendono conoscere e approfondire il tema della varianza di genere.

Varianza di genere: conoscere per comprendere

“Riceviamo sempre più spesso richieste da scuole e associazioni di interventi informativi sulle mille sfumature espresse dai ragazzi nel loro vissuto di Identità di Genere”, spiega Damiana Massara, psicologa Psicoterapeuta,  coordinatrice Commissione Minorenni ONIG. “Ci pareva utile allargare l’azione informativa ad un pubblico più vasto. È urgente e importantissimo diffondere una giusta e corretta informazione su questi temi sempre più attuali, perché è facile che gli adulti si irrigidiscano di fronte a comportamenti e bisogni espressi dai giovani che non capiscono. Spesso i ragazzi chiedono di essere riconosciuti nella loro esperienza non binaria. La letteratura internazionale, le ricerche e la clinica ci dicono che ciò che si conosce, non fa paura e può svilupparsi come naturale variazione della natura umana”.

Gli incontri

I webinar si terranno nel tardo pomeriggio, dalle 17 alle 19, del venerdì e prevedono una prima parte esplicativa e successivamente una parte in cui sarà possibile porre domande e richieste di approfondimenti specifici. I webinar saranno videoregistrati e saranno visibili sul sito: www.onig.it

Il programma completo

  • 2 dicembre 2022 Introduzione alla varianza di genere in età evolutiva.

A cura di A. Caldarera, D. Massara, F. Santamaria.

Iscrizione Zoom: https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZApc-mvpjosGNBAikkk1bYU2T49bkgkBvxt

  • 13 gennaio 2023 La Varianza di Genere in adolescenza.

A cura di C. Baietto, D. Bechis e la collaborazione di S. Einaudi e G. Motta.

Iscrizione Zoom: https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZUvcO2rrjwsGdVO4v8H-IEHa0kqtQPXwie8

  • 17 febbraio 2023 L’effetto del coming out nel sistema famiglia.

A cura di P. Petiva.

Iscrizione Zoom: https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZAsc-GurD8vEtBfJi9TNvL_ZiXiFf0PNZjg

  • 17 marzo 2023 Mille sfumature di genere: le identità non binarie.

A cura di C. Scandurra, A. Delli Veneri.

Iscrizione Zoom: https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZIof–trzooEtMO_D19xxPPU47fjLqyyyK6

  • 21 aprile 2023 Contrastare stigma e discriminazioni.

A cura di M. Graglia

Iscrizione Zoom: https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZIkc–urjMtHNVBSEIzNpAljCjGY3w1xFta

L’ONIG

L’Osservatorio Nazionale sull’Identità di Genere (ONIG) per statuto “si propone di favorire il confronto e la collaborazione di tutte le realtà interessate ai temi del transgenderismo […] al fine di approfondire la conoscenza di questa realtà a livello scientifico e sociale e promuovere aperture culturali verso la libertà di espressione delle persone  transgender in tutti i loro aspetti”, nell’ottica di un miglioramento della salute psico-emotiva, intesa in accordo con l’indicazione della Organizzazione Mondiale della Sanità. L’Osservatorio raccoglie le figure (professionisti, rappresentanti di associazioni ecc.) a vario titolo interessate ai temi del transgenderismo e si propone di approfondire la conoscenza di queste realtà a livello scientifico e sociale, attraverso il confronto e la collaborazione di tutte le realtà interessate e la promozione di aperture culturali verso la libertà di espressione delle persone transgender.

Per informazioni : www.onig.it email: info@onig.it

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista