17 novembre, la giornata mondiale dei neonati prematuri

Oggi, il 17 novembre, è la data in cui si celebrano i bambini nati pretermine, ovvero tutti quei neonati venuti alla luce prima delle 36 settimane di gestazione, termine oltre il quale la nascita è considerata “a termine”.

1 su 10
A nascere pre termine è oggi un bambino su 10, spesso questi piccolini alla nascita non raggiungono neanche il chilo di peso e sono così piccoli da stare nel palmo di una mano, eppure sono così forti e tenaci da farcela quasi sempre a uscire dalla fase critica e diventare dei bambini forti e sani.
Dare alla luce un bambino prematuro significa molte cose, una mamma non ancora pronta fisicamente e mentalmente al parto, la casa non ancora preparata ad accogliere il piccolino, il corredo da preparare, piccole cose davanti all’enormità di quello che sta accandendo, ma che spesso contribuiscono a quel senso di smarrimento che attanaglia i genitori. Inoltre non dobbiamo dimenticare che a seguito di parti prematuri i genitori fanno ritorno a casa senza il loro bambino, che spesso per intere settimane deve rimanere monitorato presso la terapia intensiva neonatale.

Dalla canguro terapia alle banche del latte
Sono molte le iniziative per favorire il miglioramento e una ripresa quanto più rapida possibile di questi scriccioli, si va dalla marsupio terapia fatta con fasce morbidissime per dare ai piccoli la sensazione del contenimento dentro il grembo materno, al latte delle mamme donatrici per rafforzare e far prendere peso. Tante associazioni di volontariato supportano genitori e famiglie a superare questo difficile momento. C’è poi da non sottovalutare tutta la parte successiva alle dimissioni, in cui il bambino, aiutato dai genitori, deve lottare per recuperare i vari gap con i bambini suoi coetanei nati a termine. Insomma, un lungo percorso in cui però i genitori devono sapere di non essere soli.
Per chi desiderasse informazioni su cosa fare, come muoversi con un bambino nato pretermine, molti approfondimenti sono disponibili sul sito della Società Italiana di Neonatologia all’indirizzo www.neonatologia.it.

Iscriviti alla newsletter

X