Ristrutturare con il Bonus Casa 2018

Ristrutturazioni, interventi per il risparmio energetico e per la manutenzione del verde, acquisto di mobili e caldaie nuove: se nel corso del 2018 intendete dedicarvi ai lavori di rifacimento per rendere più bella e più sicura la vostra abitazione, è bene essere informati sulle nuove agevolazioni fiscali previste dal Bonus Casa con la legge di Bilancio del 2018.

Ristrutturazioni

È stata confermata anche per quest’anno infatti la detrazione fiscale Irpef o Ires del 50% per i lavori di ristrutturazione ordinari e straordinari sulla casa effettuati fino al 31 dicembre 2018 per un massimo di spesa pari a 96mila euro (la detrazione spettante viene poi suddivisa in 10 quote annuali di pari importo). Per poter accedere alle detrazioni è importante essere in regola con la documentazione che attesta esecuzione dei lavori e pagamenti. In particolar modo, i lavori devono essere saldati mediante bonifico bancario o postale con indicazione nella causale del versamento dell’esatta dicitura prevista per legge per questo genere di incentivi. La legge di Bilancio ha confermato anche gli sgravi con detrazioni pari al 50% per spese fino a 10mila euro per l’acquisto di arredi ed elettrodomestici per immobili ristrutturati nel 2017 e nel 2018.

Ecobonus

Per coloro che effettuano invece interventi a favore del risparmio energetico, dalla coibentazione, all’installazione di impianti di domotica fino alla sostituzione degli infissi, è prevista una detrazione fino al 65% per spese fino a 100mila euro. L’Ecobonus va a premiare soprattutto coloro che decideranno di sostituire la propria caldaia installandone una nuova a condensazione di classe A con le valvole per la termoregolazione. A secondo dell’efficienza della caldaia scelta le detrazioni variano dal 50% al 65%.

Sismabonus e bonus condomini

La legge di Bilancio punta a incentivare anche gli interventi sulla sicurezza con una serie di detrazioni variabili fino all’85% per i lavori edilizi antisismici qualora essi comportino una riduzione del rischio sismico. Tra le novità, gli incentivi a favore dei lavori condominiali sia di riqualificazione energetica che antisismici con detrazioni che, anche in questo caso, possono arrivare fino all’85%.

Più verde

Se la casa è a posto, ma volete mettere mano a terrazzi e giardini, c’è il Bonus Verde che punta a favorire gli interventi di riqualificazione urbana e prevedere detrazioni del 36% per spese fino a 5mila euro sostenute sia dai privati che dai condomini per sistemare i giardini.

Iscriviti alla newsletter

X