I nidi d’infanzia di Torino aprono le porte all’allattamento

Bella novità nei nidi d’infanzia pubblici di Torino, che da oggi favoriscono l’allattamento permettendo alle mamme di dare il seno personalmente all’interno delle strutture. In alternativa, come già era in passato, possono lasciare il biberon con il proprio latte alle maestre.

L’iniziativa segue i precetti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dell’UNICEF, che sottolineano da sempre l’importanza di promuovere l’allattamento al seno e fornire un sostegno costante alle neo-mamme.

La Città di Torino intende favorire l’allattamento e lo fa anche aprendo tutti i nidi d’infanzia comunali – ha dichiarato Mariagrazia Pellerino, Assessora alle Politiche educative della Città di Torino. Alle mamme sarà riservata una sezione adeguata per garantire la delicatezza della relazione madre-bambino. Riteniamo che consentire alle madri che lo desiderano di allattare direttamente i loro bimbi nei nostri servizi sia un’opportunità in più. L’allattamento è una forma di alimentazione naturale che costituisce il miglior metodo per garantire una serena crescita e un sano sviluppo dei neonati ed esercita un’influenza biologica ed emotiva unica sulla salute sia delle madri, sia dei bambini”.

Il latte materno è il miglior alimento possibile, per un neonato. “Tutti i bambini traggono benefici dall’allattamento al seno – dichiara l’Unicef – perché il latte materno contiene i nutrienti necessari affinché il neonato goda di buona salute e cresca bene. Il latte materno è un alimento perfetto, incomparabile rispetto a qualsiasi prodotto artificiale, per la nutrizione di un bambino nei primi mesi di vita. I bambini allattati al seno contraggono meno malattie e sono nutriti meglio di quelli che nutriti con sostituti del latte materno o altro cibo”.

L’UNICEF e l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) stimano che se tutti i bambini fossero allattati esclusivamente al seno nei primi sei mesi di vita, ogni anno si salverebbe la vita di circa 1,5 milioni di essi, vittime delle malattie e della malnutrizione.

Iscriviti alla newsletter

X