Paradisi color pastello: i luoghi top per i bambini

da | 9 Lug, 2022 | Lifestyle, Viaggi

Luoghi da favola pensati per i bambini in giro per il mondo

Là dove il design si sposa con la fantasia, il colore con line armoniose, dove gli spazi sono ampi e curati: abbiamo trovato in giro per il mondo dei luoghi davvero a misura di bambini e bambine che sembrano usciti dalle favole.

Il museo del gelato

È una delizia assoluta per gli occhi e il Palato il Museum of Ice Cream, MOIC, di New York.

Al museo del gelato il divertimento è assicurato fra piscina di coloratissimi sprinkle, lo scivolo indoor più alto della città, 13 installazioni multisensoriali distribuite su tre piani e numerose attività da condividere con tutta la famiglia, durante il giorno e anche in versione serale.

Ma il grande protagonista rimane il gelato vero e proprio, che può essere assaggiato in cinque modi diversi, dalla coppetta al sundae fino al milkshake, all’interno di una caffetteria tutta colorata come un sorbetto alla frutta. 

Di musei del gelato ce ne sono diversi e uno di questi si trova in Italia, ma il MOIC è molto di più.

museo gelato

Shopping da fiaba 

Si chiama Bambini il negozio di abbigliamento nel bel centro della città, nella zona più chic di Vienna, a fianco a marchi come Vuitton ed Hermés. Un multipiano di 360 metri quadrati, progettato dallo Studio locale Architektur Denis Kosutic per la MB Fashion GmbH di Vienna.

Il concept si ispira al Mago di Oz e ad Alice nel paese delle meraviglie: tra maglie e vestiti a sorpresa spuntano oggetti surreali, come un fregio in gesso di funghi giganti, lecca lecca e pere, oltre a sedie a forma di banana, fragola, limone e prugna. Ma non aspettatevi la solita abbondanza di colori sgargianti, piuttosto un’atmosfera un po’ dark dove toni di grigio si lasciano illuminare da rame luccicante.

Vienna bambini

Il parco giochi dentro un hotel

Succede a Gerusalemme, dove il David Citadel Hotel ospita al suo interno un Children’s Play Center di 400 metri quadrati progettato dall’interior designer Sarit Shani Chai. Tra i luoghi che valgono una sosta per chi viaggia qui con bambini.

L’ispirazione arriva dalla città stessa: gli spazi ludici si alternano a riferimenti iconici come un palco d’angolo che ricorda i tunnel di Gerusalemme, o un mercato di frutta e verdura, che rappresenta il mercato di Machane Yehuda, e un grande mulino a vento, che ricorda la struttura situata a Yemin Moshe.

Un luogo che offre occasioni di divertimento e condivisione a tutte le età, fra cucina in miniatura, un soggiorno, una casa delle bambole e un angolo dotato di TV e computer.

hotel Gerusalemme

Quando la libreria diventa un portale

Si chiama KidsWinshare 2.0 questa libreria in Cina, progettata dalla studio Panorama. Il concept che la ispira si può sintetizzare con il termine Bookscape, dall’unione delle parole book e escape, che restituisce l’idea di un luogo dove i libri aiutano a viaggiare con la fantasia. Così è, perché lo studio ha realizzato un luogo dove libreria, aule polivalenti, ristorante e shop in sinergia stimolano la fantasia dei bimbi, con esperienze diverse dove anche i genitori possono partecipare giocando, rilassandosi e fare nuove amicizie. Una sorta di oasi dove rigenerare le connessioni personali, imparare cose nuove e allontanarsi per un po’ dai ritmi frenetici del quotidiano.

librerie più famose

La città incantata

Sembra davvero uscito da un cartone animato di Miyazaki questo parco giochi decisamente inusuale all’interno di un centro commerciale in Cina.

In linea con le altre strutture realizzate dallo studio X+Living, anche il Meland Club di Jinan, è un’esplosione di luci, colori, silhouette accattivanti che danno forma a scivoli, trenini, giostre, giochi interattivi dove perdersi all’insegna del divertimento e della scoperta.

Su un’area di oltre cinque mila metri quadrati, con altezze superiori ai 16 metri, i percorsi sono stati studiati con cura e collegati da scale e corridoi che offrono un motivo in più di vivere l’avventura.

sale giochi Cina

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista