Correre è come volare: i percorsi running più belli di Torino

Correre al mattino presto, per vedere l’alba e l’inizio di un nuovo giorno. Correre a qualsiasi ora, per osservare i colori del cielo. Correre quando fa freddo, soffiando nuvolette di vapore.

Correre nel tepore primaverile, per accorgersi della stagione che cambia. Correre sui ponti di Torino, mentre il sole illumina il fiume, gli alberi, la nostra meravigliosa collina.

Correre, sempre e comunque, focalizzandoci sul nostro personale obiettivo. Se il mondo va di corsa, ancor più veloci vanno gli amanti del running.

Dove sono i percorsi running più belli di Torino?

I percorsi running al Parco del Valentino

Il nostro parco cittadino più conosciuto, il Valentino, è ricco di storia e assai scenografico. Frequentato dai runner a qualsiasi ora del giorno, è in gran parte illuminato anche di sera.

I percorsi possibili sono moltissimi, tutti su asfalto e con necessità di qualche slalom tra bici e turisti. Lo scenario, si sa, è unico, con regate amatoriali sulle canoe e i meravigliosi colori del patrimonio verde del parco.

Chi vuole abbinare alla corsa il fitness trova attrezzi e percorsi fino alle Vallere. Una vera oasi del benessere e relax tra ponticelli in legno, prati verdi e boschetti, frequentata anche da tonici papà che spingono il passeggino correndo.

Piazza d’Armi, Parco Ruffini e Pellerina

Se siete in zona Palaolimpico avete a disposizione un giro quadrato di due chilometri e mezzo circa attorno a piazza d’Armi, ben illuminato.

Il parco è bello e ha anche alcune aree gioco per i bambini, nonché viali ombreggiati da tigli, perfetti per rilassarsi dopo la corsa.

Si corre anche al Ruffini in Circoscrizione 3, con una pista certificata di un chilometro e bei viali in mezzo agli alberi, illuminati anche nelle ore serali e arricchiti dalle fioriture stagionali.

Il running è di casa al Parco della Pellerina, lungo la Dora. Non tutti gli orari sono frequentatissimi e adatti alla corsa in solitaria. Nel dubbio, meglio organizzare con un’amica o un amico per un allenamento in compagnia.

Un bel percorso naturalistico si può fare partendo da corso Appio Claudio. Arrivati al ponte sulla Dora Riparia, si prosegue verso Cascina Marchesa. La si supera e si può imboccare un piccolo sentiero in salita che porta alla strada che costeggia il lago grande, dove vivono anatre e tartarughe.

Completato il giro del lago troverete uno spazio gioco per i bambini. L’area si raggiunge anche partendo da corso Regina e il percorso dettagliato si trova sul sito www.turinmarathon.it.

Correre lungo il Po

Si può correre sulla pista pedonale separata dalla ciclabile di lungo Po Antonelli.

Un percorso alternativo sul fiume va verso San Mauro partendo dall’Isolone Bertolla, là dove nidificano gli aironi.

Meravigliosi punti panoramici, anche se è meglio percorrerli in compagnia perché ci sono tratti in cui non passa mai nessuno. Per il fitness ci sono attrezzi belli e nuovi al Michelotti, all’altezza del ponte di Sassi.

Per chi vuole superarsi o tentare “l’allungo”, c’è un percorso di dodici chilometri tutto sul lungo fiume. Si parte dalla passerella Maratona nel Parco Millefonti al confine con il Comune di Moncalieri e si risale verso nord, fino al ponte ciclopedonale che collega il Comune di Torino con quello di San Mauro passando per il Valentino e poi i Murazzi (sponda sinistra).

Si attraversa il Po sul ponte della Gran Madre e si prosegue in sponda destra, tra i platani del Parco Michelotti, passando sotto il ponte di Sassi e poi fino al Meisino.

Un percorso talmente bello da diventare il quarto Gore off running italiano, un progetto sponsorizzato dall’azienda produttrice del tessuto Gore-Tex, dopo quelli di Cervinia, Canazei e Courmayeur. Il primo realizzato in un grande centro urbano.

Running alla Mandria e in collina

Preferite la corsa bucolica tra sentieri sterrati e boschi frondosi, in cui respirare il profumo della resina e del sottobosco?

Il Parco della Mandria e i sentieri della collina torinese sono perfetti. La Mandria ha mille e una possibilità.

In collina si può girare tra Superga e Cavoretto, nei boschi con sentieri puliti e in genere ben segnalati. Unica accortezza: questi meravigliosi percorsi sono amati anche dai bikers, potete verificarli su www.singletracktorino.it.

E se la salita non vi spaventa (ma bisogna essere davvero molto, molto allenati) regalatevi un’accelerata su fino al Parco della Maddalena.

Iscriviti alla newsletter

X