La magia del vetro: i 5 musei più trasparenti d’Italia

museo del vetro
In principio è una palla incandescente di acqua e sabbia. Il lavoro – e il fiato – di artigiani vetrai la trasforma poi in molti oggetti di uso quotidiano: finestre e bicchieri, lampadine e soprammobili, ma anche sculture e opere d’arte.
La storia del vetro risale a più di 5000 anni fa. La leggenda racconta che alcuni mercanti fenici, sbarcati sulle rive del fiume Belo in Siria, accesero un fuoco e usarono dei blocchi di salnitro per appoggiare le loro pentole. Così facendo ottennero casualmente un nuovo materiale trasparente e luccicante: il vetro. 
Oggi in Italia l’arte vetraria è particolarmente sviluppata. Sono molti i musei del vetro dove è possibile scoprire tutti i segreti della produzione di questo materiale.

In gita a Murano

Pensando al vetro non può che venire in mente Murano. La fama dell’isola è legata indissolubilmente alle sue fornaci e alla produzione di oggetti in vetro favolosi. È impossibile non restare incantati davanti alle vetrine che espongono creazioni coloratissime e stupefacenti.

A Murano è possibile visitare il Museo del Vetro che presenta un percorso cronologico a partire dai reperti dell’epoca romana attraverso settecento anni di storia del vetro muranese.

Ogni anno, tra maggio e giugno, il Museo del Vetro ospita “Arts’Connection – Festival del Vetro”. Quattro settimane di arte, design, letteratura, danza, musica, moda.  Tra le attività abituali del museo c’è il laboratorio “Invenzioni, segreti e avventure di un’arte speciale”, dedicato alle famiglie con bambini tra i 7 e i 14 anni. Il laboratorio si svolge in italiano, inglese, francese e tedesco e può essere abbinato alla visita alla fornace dove osservare i maestri in azione. 

Altare Glass Fest

Ad Altare, nell’entroterra savonese, la cultura del vetro ha radici antiche. Le prime fornaci risalgono all’anno mille. Nel Museo dell’Arte Vetraria Altarese si trovano opere d’arte degli ultimi due secoli. Non solo attrezzi per la lavorazione artigianale ma anche strumenti multimediali che illustrano tutte le fasi di lavorazione del vetro.

Il momento migliore per visitare il Museo è l’Altare Glass Fest, la grande festa del vetro che ospita artisti del vetro provenienti da tutto il mondo. Dal 21 luglio al 5 agosto viene messa in funzione la fornace dimostrativa installata nei giardini del museo. Qui i partecipanti possono ammirare i movimenti veloci e precisi dei maestri vetrai al lavoro. A partire da settembre e fino a novembre sarà aperta al pubblico solo un fine settimana al mese. 

Vetri e cristalli in Toscana

La tradizione toscana del vetro è più recente ma ugualmente importante. A Colle Val d’Elsa, in provincia di Siena, viene prodotto il cristallo da più di cento anni. Tutt’ora qui si produce il 95% di tutto il cristallo d’Italia. Nel Museo del Cristallo si possono ammirare reperti risalenti al XIV-XV secolo e oggetti di design più recenti. La sezione più affascinante del museo è la “foresta di cristallo”, un’interpretazione scenografica delle emozioni evocate dal materiale a cui il museo è dedicato. Nell’area sperimentale si possono toccare alcuni esempi di tagli e incisioni. E’ inoltre possibile provare  alcuni strumenti del mestiere dei maestri molatori.

A Empoli, in provincia di Firenze, c’è il Museo del Vetro. Qui è documentata la storia dell’attività vetraria della zona con ricostruzioni, video e documentari storici. Ogni prima domenica del mese le famiglie possono partecipare alla visita guidata, seguita da un laboratorio per imparare (divertendosi!) a dipingere il vetro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Festival e laboratori a Piegaro

Un altro importante centro di lavorazione del vetro in Italia si trova in Umbria. Il Museo del Vetro di Piegaro, in provincia di Perugia, è collocato nella vecchia fornace, attiva fino al 1968 e ristrutturata recentemente. Racconta la storia della produzione vetraria dal medioevo al XX secolo.

A maggio di ogni anno viene organizzato il Festival del Vetro. Arte, design, riciclo, conferenze e laboratori (anche per bambini) con ospiti italiani e internazionali.

A ottobre si può assistere alla manifestazione “L’opera dei vetrai, vetro e vetrai in fiera”. Inizialmente nata come un concorso, è diventata l’occasione per assistere alla lavorazione del vetro secondo diverse tecniche. Durante l’anno i bambini sono invitati a partecipare ai laboratori in cui realizzano piccoli oggetti apprendendo le tecniche dell’antica arte vetraria.

Iscriviti alla newsletter

X