Viaggio in nave con i bambini: per le lunghe tratte è meglio

Il viaggio in nave con i bambini è una ottima alternativa per le lunghe tratte. Consente di viaggiare comodamente, con la macchina a seguito e senza limiti di bagaglio

La vera alternativa alle lunghe tratte di viaggio con i bambini è la nave. Consente di viaggiare comodamente, con la macchina a seguito e senza limiti di bagaglio, inoltre non costringe a rimanere seduti per interminabili ore ed è di per sé un’esperienza divertente. Vediamo qualche consiglio.

In nave è meglio

Per quanto si ami guidare, raggiungere destinazioni lontane in automobile spesso è lungo e faticoso, senza contare i pericoli di maltempo o le brutte condizioni delle strade in inverno. O ancora il famoso bollino rosso per alcune giornate delle canoniche vacanze estive. 

Con i bambini poi può diventare un vero incubo. Non ci sono intrattenimenti che tengano, ci si arrende ai videogiochi e ai cartoni, si tira fuori tutto il repertorio di canzoni, barzellette e indovinelli. Ma diciamocelo: è estenuante. Inoltre, specialmente se i bambini sono piccoli, bisogna prevedere molte soste per la poppata, il cambio del pannolino o la pipì che guarda caso scappa 10 minuti dopo l’ultima sosta in autogrill. 

Il viaggio in nave diventa allora una valida alternativa all’eterno tragitto verso la destinazione finale. Durante la traversata si può gironzolare per la nave, mangiare al self-service o al ristorante (quando non addirittura portarsi i propri panini), andare in bagno, visitare gli shop, dormire e giocare. E ai bambini sembrerà di stare al luna park, affascinati da ogni angolo e visuale, dentro e fuori.

Viaggio di giorno o di notte?

I viaggi lunghi in nave si possono fare durante il giorno, con partenza alla mattina e arrivo la sera, ma vanno decisamente meglio di notte, partendo la sera tardi con arrivo alla mattina presto. La soluzione notturna è comoda per i bambini, che riescono per un po’ di tempo a vivere la scoperta della nave o a giocare negli spazi dedicati prima di mettersi a dormire. Così il viaggio risulta senz’altro meno lungo e buona parte del tempo si trascorre riposando, risparmiando anche due notti di albergo (una all’andata e una al ritorno). Di contro, se siete adulti dal sonno leggero, le microscopiche brande delle cuccette non sono l’ideale.

Per la sistemazione, in ordine di costo e di comodità, si può scegliere tra le cabine vista mare, le cabine interne o le sale poltrone appositamente attrezzate. I più temerari, durante la stagione estiva, scelgono il “passaggio ponte” che consente di allestire un originale campeggio all’aria aperta. E che spettacolo addormentarsi sotto le stelle e svegliarsi la mattina dopo con un nuovo porto all’orizzonte!

I servizi per i bambini

“Per noi è naturale pensare e offrire dei servizi specifici per i bambini” – spiega Giulio Libutti, Head of Sales di GNV, una delle principali compagnie di navigazione operante nel settore del trasporto marittimo, passeggeri e merci con collegamenti da e per Sicilia, Sardegna, Spagna, Francia, Marocco e Tunisia. “Tra i nostri clienti il numero di famiglie è in continua crescita, specialmente per le lunghe tratte e recentemente abbiamo investito molto in spazi e servizi dedicati alle famiglie, per rendere più agevole il viaggio anche a chi si sposta con i più piccoli”. Così capita, durante la stagione estiva, di trovare spettacoli di intrattenimento per i più piccini. mascotte che fanno giocare e divertire i bambini, uno staff di animatori che organizza attività ludiche e didattiche. 

Le navi-traghetto dell’estate sono grandissime e divise in ponti. In stiva vanno le auto, nei ponti intermedi le cabine. Nei ponti alti si trovano i ristoranti, i bar, i negozi, le sale gioco e le sale con le poltrone. All’aperto, dove si può stare in caso di bel tempo, spesso c’è una piscina protetta, un bar e delle sdraio e sedie per prendere il sole. 

Durante la stagione invernale invece sono a disposizione le aree bimbi, aree appositamente attrezzate e riservate per il divertimento dei piccoli viaggiatori. Ci sono suite familiari per la notte, e al momento della prenotazione, secondo la compagnia, si può chiedere l’occorrente per la nanna, la pappa e il relax dei bambini: seggioloni, lettini, scalda biberon, sponde per il letto e fasciatoi.

Viaggio in nave con i bambini

Intrattenimento per tutti

Il viaggio è lungo e deve passare per tutti, anche per i grandi. Oltre ad alcuni punti per lo shopping e per il gioco, in estate le navi hanno il ponte all’aperto con la piscina e d’inverno il cinema con la proiezione dei film del momento. Quasi tutte le compagnie si sono attrezzate per fornire il servizio di Wi-Fi e per alcune tratte è allestita una lounge area per chi desidera il comfort di un’area silenziosa e tranquilla.

Una buona soluzione, per chi viaggia di giorno, è affittare una cabina dove avere la propria privacy per un riposino e un cambio. Nelle cabine c’è anche il bagno privato e con i bambini è una gran comodità.

Chi viaggia in nave

La nave è un mezzo di trasporto comodo, soprattutto per le tratte lunghe: ma chi la sceglie per spostarsi? Secondo alcune stime i passeggeri che viaggiano con la famiglia rappresentano circa il 25%.

Al primo posto delle mete family friendly c’è la Sardegna, con il 29% delle famiglie che viaggiano da Genova verso Olbia o Porto Torres. La seconda destinazione è la Tunisia, con il 26% di famiglie dirette a Tunisi, dai porti di Genova, Civitavecchia o Palermo. Il Marocco, che è collegato da Italia, Francia e Spagna, registra una media annua pari al 23% dei passeggeri che viaggiano con i figli; mentre in Sicilia è 21% del totale. 

Altre linee servite dalle navi, in Italia, sono Genova-Barcellona, la Corsica e il Nord Africa, in Marocco e Tunisia.

In nave si viaggia anche con il proprio animale domestico al seguito: gli amici a 4 zampe sono ben accetti e possono stare assieme ai padroni, anche se ovviamente bisogna assicurarsi di non sporcare e non disturbare gli altri viaggiatori.

La nave con i bambini: ma quanto costa

I bambini fino a 2 o 4 anni non compiuti generalmente viaggiano gratis. Ovviamente dipende dalla compagnia, comunque le offerte sono tante e dipendono ovviamente dal periodo. Le offerte non valgono, in genere, nei periodi estivi di altissima stagione. 

I servizi per il gioco e l’intrattenimento sono sempre gratuiti e inclusi nel biglietto. Per la ristorazione di bordo, si possono acquistare dei voucher al momento della prenotazione del viaggio, risparmiando fino al 45%. 

Come per tutti i mezzi di trasporto, anche per il biglietto della nave ci sono momenti più convenienti per l’acquisto o promozioni ad hoc. Le prenotazioni aprono generalmente a ottobre e durante l’anno vengono spesso avviate delle promozioni di sconto. Bene quindi monitorare i siti web delle compagnie e iscriversi a eventuali newsletter con le offerte.

Cosa portare per il viaggio in nave con bambini

Come per tutti i viaggi lunghi bisogna avere un po’ di accortezza nella preparazione della valigia. Se si viaggia in auto o camper è necessario ricordarsi di preparare uno zainetto pronto da portare dietro perché poi non sarà più possibile raggiungere i garage durante la traversata. 

Le cabine hanno tutto il necessario per la notte, anche gli asciugamani (ma è sempre meglio chiedere al momento della prenotazione).

Bisogna attrezzarsi molto bene in caso di passaggio ponte. In nave fa abbastanza freddo, quindi è bene ricordarsi di maglie pesanti e calzini anche in estate, oltre al solito cambio. Ottimi i foulard o i pareo che si usano sia per ripararsi dall’aria sia da appoggiare a terra o sui divanetti. 

Inutile dire che i bambini saranno affascinati dalla nave e vorranno visitare ogni angolo. Per i viaggi molto lunghi, nonostante ci siano le aree attrezzate e dedicate, di giorno può essere una buona idea portare dei libri o dei giochi compatti, qualche foglio e i pennarelli. 

Un consiglio? Già dal porto provate a individuare altre famiglie: sarà sicuramente più divertente fare il viaggio in compagnia di nuovi amici.

Una vacanza in camper con i bambini

Iscriviti alla newsletter

X