Aiutiamoli a fare da soli: Maria Montessori

da | 21 Apr, 2022 | Libri, Lifestyle, Pillar

Conosciuta in tutto il mondo per il suo metodo pedagogico, chi era davvero Maria Montessori?

Scienziata, filosofa, femminista, pedagogista, Maria Montessori è famosa in particolare per le sue teorie sull’educazione che mettono il bambino al centro. Ma chi era Maria, come è stata la sua vita? Ne parliamo con Teresa Porcella, autrice di “Aiutiamoli a fare da soli. Maria Montessori si racconta” (Editoriale Scienza). “Nel libro ho cercato di ricostruire la vita di Maria e il suo percorso di formazione molto particolare. Non tutti sanno infatti che la Montessori si dedica prima al teatro, poi vorrebbe studiare ingegneria e si iscrive a un istituto tecnico, infine cambia idea e si laurea in medicina. Quel che accomuna queste esperienze formative così diverse è il modo in cui la giovane Maria le affronta: stando dentro i fatti, vivendole intensamente finché non cessano di trasmetterle qualcosa, consentendosi un cambio di orizzonti e prospettive”.

Approccio Montessori: partire dai bambini

“Sia nelle esperienze di vita che nei suoi scritti è chiara la centralità dell’infanzia: bisogna partire dai bambini, rispettandoli e riconoscendo la loro capacità di imparare in autonomia. Nell’insegnamento il metodo che funziona meglio – sostiene Maria – è quello induttivo, basato su un travaso di competenze pratiche: imparare facendo. Quindi, è bene lasciare i ragazzi liberi di sperimentare, metterli in condizione di farlo in solitaria e trovare gli strumenti giusti per l’autocorrezione. E poi, favorire l’autonomia partendo da un ambiente sicuro in cui i bambini possono muoversi in modo indipendente”.

Far fiorire l’autostima nel processo di apprendimento

A insegnanti e genitori Montessori raccomanda di rispettare i tempi e i modi di apprendimento di ogni bambino e di non punire o rimproverare gli errori.

“L’accettazione degli sbagli è importante per radicare l’autostima all’interno del processo di apprendimento. Gli adulti non devono dare la soluzione ma lasciare che i bambini la trovino da sé. Montessori trasmette il senso di un’educazione forte e condivisa: la modalità è quella del rispetto e dell’ascolto reciproco in un processo di continua osmosi tra adulti e bambini, bambini grandi e bambini piccoli. Perché la chiave per imparare sta nell’osservazione, l’imitazione e il divertimento!”.

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista