Giganti verdi al Valentino

Per i bambini è sempre bella una passeggiata nel verde, anche nella stagione meno verde dell’anno: vi proponiamo un percorso al parco del Valentino, alla scoperta di grandi alberi e piccoli animali. Riconoscere gli alberi d’inverno non è facilissimo, ma può essere una divertente caccia al tesoro. Al Valentino si trovano circa 1800 alberi tra pioppi, salici, faggi, carpini, aceri, tigli, platani, querce. Ci sono anche specie che arrivano da lontano, come i ginkgo biloba, gli alberi-fossili antichissimi, dalla caratteristica foglia a ventaglietto. Poi i faggi: quelli rossi e quelli con la foglia “a forma di felce” si possono riconoscere perché il tronco è liscio liscio e assomiglia alla zampa di Madama Jumbo! Altro indizio per riconoscerli: sotto la loro chioma non cresce nulla, perché l’ombra è molto fitta. Per distinguerli senza aspettare la primavera, si va alla ricerca delle “grandi zampe dell’elefante”! Nel parco ci sono i boschetti delle Pterocarye: un nome-scioglilingua per un albero bellissimo, ampio, con i rami che si aprono verso il cielo. Osservando i tronchi, si possono riconoscere i platani, con la loro caratteristica corteccia bianca “a placche”, ma anche le querce e i carpini, dal tronco rugoso, con le cortecce che sembrano ricamate in tutti i toni del marrone. E poi i salici sul lungofiume, con le radici che affondano nell’acqua: in inverno sono uno spettacolo soprattutto al mattino quando lunghe collane di argento e cristallo sfavillano dai loro rami. È il momento di improvvisarsi bird-watchers: la vicinanza al Po rende il Valentino perfetto per osservare le tante specie di uccelli che vivono in città come gli aironi cinerini, i germani reali e le folaghe, nonché diverse anatre come l’alzavola, la moretta e il fischione. Ora i nidi sono ben visibili tra i rami spogli, ma quali specie si possono avvistare? Stampate qualche foto su Internet e portatevela dietro per riconoscere, con l’aiuto di un binocolo, le specie di uccelli che restano in città in inverno. In attesa che l’allegra colonia di rondini di casa al Borgo Medievale torni dall’Africa per annunciare il ritorno della primavera!

[Marta Vitale Brovarone]

Iscriviti alla newsletter

X