Il Magnificat di Vicoforte: una gita family nel Cuneese

L’Italia è una nazione talmente ricca di monumenti storici, edifici religiosi, beni artistici e architettonici di pregio che spesso non riusciamo a dare il giusto valore a questo enorme patrimonio.

Eppure, la scoperta e la riscoperta dei tesori meno noti del nostro territorio può essere un’esperienza arricchente, magari facendo in modo che una gita si trasformi nell’occasione giusta per uscire dalle solite rotte e andare a scovare qualche capolavoro mai visitato prima.

Un’idea che ha il sapore di avventura, soprattutto quando alla parte culturale vengono abbinate emozioni mozzafiato degne di un film di Indiana Jones, l’archeologo abituato a trasformare ogni scoperta storica in un momento adrenalinico.

Ci piace pensare che si siano ispirati un po’ a lui gli ideatori di Magnificat, l’emozionante percorso di visita del Santuario di Vicoforte, capolavoro del barocco piemontese. Siamo vicino a Mondovì, nel Cuneese: da queste parti, i motivi per una gita non mancano davvero, tra campagne verdi, una grande tradizione gastronomica e una posizione strategica.

Appena più a nord si trovano le Langhe, mentre qualche chilometro
più a sud c’è la Liguria. E proprio una delle prime gite al mare può essere l’occasione perfetta per programmare una tappa a Vicoforte e visitare il suo Santuario: l’esperienza non vi farà pentire della deviazione.

Una visita mozzafiato

Il Santuario, progettato a fine Cinquecento da Ascanio Vitozzi, è un importante esempio di architettura religiosa, da sempre meta di pellegrinaggio. È sovrastato da una magnifica cupola ellittica, la più grande al mondo di questa forma nonché la quinta in assoluto per dimensioni (dopo San Pietro in Vaticano, il Pantheon di Roma, la Cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze e la cupola del Gol Gumbaz in India).

Colpevolmente trascurato dai percorsi turistici per qualche tempo, il Santuario di Vicoforte ritorna oggi a essere un centro d’attrazione, grazie anche alla novità rappresentata dalla proposta di visita di Magnificat. Un’esperienza unica nel suo genere: dimenticatevi qualsiasi altra gita fatta in precedenza in un monumento storico-religioso, a meno che non siate abituati a vedere le chiese da 75 metri d’altezza!

Magnificat porta i visitatori a immergersi totalmente nell’edificio, raggiungendone la sommità (266 gradini) e godendo di un affaccio mozzafiato dall’alto del cupolino. Un punto di vista unico per ammirare i seimila metri quadrati di affreschi che ricoprono la parte interna della cupola e riproducono il tema della Salvezza.

La visita viene realizzata in condizioni di totale sicurezza, con l’accompagnamento di una guida, tenendo conto di qualche indicazione generale e di alcune precauzioni (ad esempio, si raccomanda un abbigliamento comodo e non è consentito l’accesso con borse o zaini o l’uso di macchine fotografiche reflex o di apparecchiature il cui ingombro possa costituire un impedimento alla salita). Tuttavia, basta un po’ di buon senso e una piccola dose di coraggio per lanciarvi in quella che potrebbe diventare la più spettacolare visita a una chiesa mai fatta nella vostra vita.

magnificat vicoforte

Il percorso per i piccoli

Ci sono due diversi percorsi che le famiglie con bambini possono provare ad affrontare. Per i più grandi (dai 14 anni) è possibile effettuare il percorso di salita alla cupola, un’avventura di circa due ore che vi porterà, vestiti con elmetto protettivo e imbragatura, a entrare nel cuore dell’opera d’arte.

Per i più piccoli invece c’è il “percorso breve”, con un accesso più agevole: una visita della durata di un’ora che permette di arrivare a circa 23 metri d’altezza (130 gradini), senza bisogno di imbrago ed elmetto.

Dopo la sospensione nel periodo invernale, le visite al Santuario di Vicoforte riprendono a partire da aprile, dal venerdì alla domenica. Il biglietto per il percorso di salita alla cupola costa 15 euro (ridotto 10 euro), mentre il percorso breve costa 8 euro.

Tutte le informazioni, gli orari e il regolamento sono disponibili sul sito www.magnificat-italia.com.

Iscriviti alla newsletter

X