Nasce a Bologna il primo asilo degli Ultrà

A Bologna, nello spazio “ASkeggia” in via Andrea Costa, nasce il primo asilo degli ultrà. Nella sede dell’ex bocciofila, oggi gestita dal club dei tifosi rossoblù, si è voluta creare un’iniziativa per i più piccoli.

Imparare lo sport da piccoli
Spesso quando si parla di ultrà non si pensa a concetti come sportività e fair play, ma con questa iniziativa la speranza è trasmettere ai bambini messaggi positivi legati al mondo dello sport e del tifo. Le iniziative saranno molte, giochi come ping pong e calciobalilla e gli orari di apertura saranno quelli delle partite. I papà potranno godersi la partita, le mamme 90 minuti di relax e i bambini un po’ di tempo con i coetanei tra cori e giochi. A controllare la situazione delle educatrici. L’idea è partita dagli stessi frequentatori del club, che hanno deciso di creare questo spazio a misura di bambini, nel tempo infatti più o meno tutti i membri hanno avuto dei figli e così è sembrato naturale trasformare questo luogo dandogli una connotazione diversa.

Tifosi sin da piccoli
Ovviamente molte delle attività saranno a tema “rossoblù“, si dipingeranno le bandiere che poi i grandi porteranno allo stadio e nell'”ora di musica” si impareranno i cori della squadra. La speranza è che questa iniziativa serva anche agli stessi ultras, stando con i bambini infatti forse il tifo si farà più goliardico, allegro e meno violento, rendendo gli stadi nuovamente un luogo per le famiglie.

FOLLOW US ON
Giovani Genitori

è la rivista dedicata alle famiglie eco e slow. Informazione fresca e il giusto sorriso per riportare notizie ed eventi utili, dedicati a entrambi i genitori e ai bambini dai primi anni di vita fino all'adolescenza.

Espressione Srl - P.iva 09319220019

Iscriviti alla newsletter

X