Obbligo del casco per i bambini under 12: quale scegliere?

Una semplice protezione che può salvare la vita: entro fine anno tutti i bambini devono indossare il casco in bicicletta.  Ma quali caratteristiche deve avere un casco?

Al contrario di quello che si crede, il casco in bicicletta non è obbligatorio per gli adulti, lasciando spazio al buonsenso di indossarlo sempre a qualsiasi età. Lo sarà però, entro fine anno, per i bambini sotto i 12 anni di età: una conquista che va nella direzione di tutelare i più piccoli da imprevisti, a volte anche gravi.

C’è anche un’altra norma che renderà la vita dei ciclisti più sicura: i veicoli a motore dovranno mantenere dalle bici una distanza minima di un metro e mezzo di sicurezza in fase di sorpasso. Tuttavia controllare che questa norma venga applicata e probabilmente la contestazione potrà avvenire solo in caso di incidente.

Quale casco? Alcuni criteri 

L’obiettivo di tutti i caschi in commercio è sempre lo stesso: proteggere il cranio. I materiali con i quali sono costruiti fanno la differenza sotto molti punti di vista: il casco deve proteggere la testa ma non deve essere troppo pesante. 

Il casco deve essere sempre composto da una calotta esterna, resistente a vento e pioggia e una interna in poliuretano espanso o in schiuma (che deve deformarsi durante la caduta per assorbire gli urti) . Deve avere anche un sistema di fissaggio (una rotella regolabile) e dei cinturini che garantiscano un aggancio ben saldo. 

Per essere omologato deve riportare la marcatura CE e la normativa di riferimento EN 1078, una normativa garantisce che il casco sia stato progettato e testato per la protezione in caso di urto.

Importante: ricordate che dopo un impatto va cambiato, proprio perché la calotta interna può essersi deformata. 

Leggi anche –> Bimbi e bici: i consigli per una vacanza su due ruote

Iscriviti alla newsletter

X