Forse quella stanchezza che senti è astenia

da | 11 Feb, 2020 | Lifestyle, Salute e Benessere

Provi uno stato di debolezza generale, una minore forza muscolare, un facile affaticamento? Trovi difficile reagire agli stimoli? Forse soffri di astenia

Quella sensazione di stanchezza che va sotto il nome di astenia è una condizione comune ai genitori, da quando sono neo-genitori che dormono poco a quando sono genitori di bambini che si alzano presto per andare a scuola.

Se l’astenia non è una condizione costante (nel qual caso bisogna consultare un medico), può arrivare in momenti di particolare stress oppure, semplicemente, al cambio di stagione. Il passaggio a nuove temperature richiede all’organismo di abituarsi ed è naturale sentirsi un po’ spossati, con quella mancanza di energia, la difficoltà di concentrazione, la svogliatezza e persino l’inappetenza.

I sintomi più intensi si hanno nel passaggio dall’inverno alla primavera, ma chi non ha sperimentato un po’ di sfasamento quando le giornate si accorciano in autunno o nei primi caldi torridi dell’estate?

Astenia, come affrontarla?

A causare l’astenia contribuisce in particolare l’alterazione del ciclo sonno-veglia, che è regolato dall’ormone melatonina, la cui produzione può essere stimolata. Anche la carenza di vitamine e il bisogno di depurazione dell’organismo sono fattori da tenere sotto controllo. 

“Ci sono alcuni semplici accorgimenti che possono migliorare il nostro benessere se percepiamo una situazione di astenia – spiega la dottoressa Elena Rabbione, farmacista -. Non forzare l’organismo, per incominciare. Mettersi in ascolto del proprio corpo e rallentare i ritmi. Poi ridurre l’assunzione di sostanze stimolanti, come caffè, the, alcolici e cioccolato, che possono influire sulla qualità del sonno”. 

“Bere molto, almeno un litro di acqua al giorno (anche in forma di tisana) per mantenere la giusta idratazione. Curare l’alimentazione con frutta, verdura e alimenti ricchi di potassio. I migliori? Le banane, i kiwi, gli spinaci. E poi i legumi, soprattutto ceci e lenticchie”.

Aria aperta e luce

Stare il più possibile all’aria aperta (anche in inverno) serve perché la luce del giorno aiuta il cervello a produrre serotonina, un vero e proprio ormone del buonumore.

L’attività fisica è un altro attivatore di serotonina: chi non frequenta palestre e piscine potrebbe ritagliarsi 30 minuti al giorno per una sana camminata, meglio se immersa nella natura, così l’effetto rigenerante del verde si somma a quello del movimento.

Astenia e rimedi naturali 

“Esistono alcuni rimedi naturali per combattere l’astenia – spiega la dottoressa Rabbione -. La scelta delle erbe e delle vitamine è più efficace se consigliata da un farmacista o un erborista, tuttavia provate l’infuso e la tisana preparata con foglie di carciofo. Sono davvero miracolosi: stimolano la diuresi e l’eliminazione delle tossine. Il sapore è amaro, ma il beneficio è assicurato: la pancia si sgonfia e si riattiva la circolazione”.

Per l’affaticamento e la difficoltà di concentrazione c’è il ginseng, un rimedio naturale ricavato dalle radici di alcune piante perenni appartenenti alla famiglia delle Araliaceale. E’ utilizzato da secoli come tonico e stimolante per l’organismo. Antiossidante, antinfiammatorio, antidepressivo, aiuta a diminuire i livelli di colesterolo nel sangue e ha effetti positivi sulla circolazione sanguigna. Va usato con cautela per i suoi effetti collaterali ed è sconsigliato a chi soffre di cardiopatie e ai bambini.

Magnesio e vitamine

Il magnesio è un minerale coinvolto nei processi enzimatici. Svolge un ruolo importante nella regolazione dell’energia da parte dell’organismo e nella trasmissione degli impulsi muscolari e nervosi. Come micronutriente è fondamentale per la salute: interviene nel metabolismo delle ossa, facilita i processi che coinvolgono le vitamine del gruppo B, A e C e favorisce l’assorbimento di calcio e potassio.

Le vitamine del gruppo B (B6, B12, B1 e B2) sono ottime ricostituenti, in grado di migliorare il sistema metabolico, rendendolo più attivo e consentendo all’organismo di assimilare più facilmente proteine e carboidrati.

La vitamina C rafforza il sistema immunitario e aumenta le difese dell’organismo. La vitamina E ha un’azione antiossidante e protegge la pelle dalle aggressioni esterne. La sua assunzione è utile d’estate (quando il caldo fa aumentare la sudorazione occludendo i pori) e d’inverno, quando la pelle diventa più secca e delicata.

La pappa reale

Chiamata anche gelatina reale, è una sostanza biancastra di consistenza cremosa, secreta dalle ghiandole salivari delle api operaie per stimolare la crescita e lo sviluppo dell’ape regina. La composizione di questo straordinario alimento è articolata e consiste in una miscela di proteine (zuccheri, ripartiti tra glucosio, fruttosio e saccarosio), lipidi e quantità variabili di minerali, vitamine, ferormoni ed elementi non ancora identificati. 

Grazie alla ricca composizione è indicata come tonico-energetico e può essere utile per la crescita, per le convalescenze e per chi svolge attività mentale. E’ disponibile in diverse forme farmaceutiche che vanno dalle capsule, alle bustine granulari liofilizzate ai flaconcini monodose. La migliore formulazione? Quella fresca da conservare in frigorifero.

Pubblicità

I più letti

I più letti