Si può crescere senza scuola? A rispondere è il docufilm “Figli della Libertà”

Si può imparare lontano dai banchi, senza voti né compiti? Se lo sono chiesti Lucio e Anna dopo il primo anno di scuola elementare della figlia Gaia. Loro hanno deciso di cambiare e si sono rivolti a una scuola parentale a pedagogia libertaria, dove viene riconosciuta ai bambini la capacità di decidere come, quando, che cosa e con chi imparare. Una scelta che deriva da un percorso di ricerca personale e che ha dato vita a un documentario, Figli della libertà, con un obiettivo molto chiaro: “Mettere in discussione la delega scuola, la disciplina tradizionale e, probabilmente, qualche certezza tipica degli adulti” spiegano Lucio e Anna.

Tornano sul grande schermo Anna Polio, Lucio Basadonne e la piccola Gaia, già autori e protagonisti di Unlearning, il docufilm pluripremiato sul concetto del “disimparare”, che aveva portato la famiglia a viaggiare per sei mesi attraverso ecovillaggi, comunità, cohousing e fattorie didattiche alla ricerca di stili di vita alternativi e nuovi modelli di famiglia.

Questa volta cambia il tema, ma il punto di vista è sempre lo stesso: i tre componenti della famiglia, seguiti dalla telecamera, intraprendono un nuovo viaggio alla ricerca di risposte su come educare i figli.

Vedendo Gaia “disallineata” rispetto agli altri bambini, il papà Lucio si chiede se la figlia diventerà un’outsider o una persona felice e realizzata. Si mette in contatto con alcuni adulti che non sono mai andati a scuola per capire cosa abbiano combinato nella vita. La mamma Anna, tormentata insegnante in aspettativa, si domanda quanto sia importante restare nel sistema scuola per cambiarlo dall’interno e quanto sia giusto educare all’obbedienza. Per rispondere a queste domande, si confronta con colleghi, esperti e altre mamme. Infine Gaia e i suoi compagni, innocenti e ancora privi di dubbi, vengono mostrati nel loro percorso in cui sono “liberi di imparare”, mentre l’esame di fine anno, e con lui il confronto con il mondo reale, si avvicina.

Lucio e Anna si muovono attraverso diverse realtà per conoscere le ragioni di chi, come loro, ha deciso di occuparsi in prima persona dell’istruzione dei propri figli, ognuno con modalità diverse; e dialogano con pedagogisti ed esperti del settore, come il regista Silvano Agosti, il musicista Andrè Stern, il pedagogista Daniele Novara, il docente Paolo Mottana, la referente italiana dell’homeschooling Erika Di Martino e tanti altri.

Girato nel corso di quattordici mesi e finanziato grazie a un crowdfunding che ha visto la partecipazione di 1.653 donatori, Figli della libertà esce al cinema il 7 marzo 2017, con proiezioni e dibattiti in più di 40 sale di tutta Italia. La lista dei cinema si trova sul sito www.storielibere.it.

Serena Carta

Figli della Libertà, il docufilm sull'home schooling

Iscriviti alla newsletter

X