Sarà un fantastico anno nuovo: a Natale è arrivato l’iPod Touch!

iPod Touch è uno strumento per crescere e per esplorare il mondo digitale, perfettamente a misura di bambino

“Quando Alice ha scartato il pacco che conteneva il nuovo iPod Touch, ho letteralmente percepito la sua emozione che saliva alle stelle”.  Catia, la mamma di Alice, quest’anno ha deciso di regalarle il nuovo iPod Touch, il dispositivo di Apple di settima generazione, con Apple con collegamento wi-fi e sistema operativo iOS, lo stesso degli iPhone.

iPod Touch è un device digitale particolarmente adatto ai bambini con funzionalità che consentono l’esplorazione multimediale, il gioco, le chiamate FaceTime di gruppo e l’utilizzo delle applicazioni in App Store, senza il rischio di perdersi nel mare magnum di Internet o la paura di accedere a funzioni che possono far correre qualche rischio.

Adatto alle esigenze dei post-millennials

“Alice ha otto anni e mi piace definirla una bambina digitale – racconta Catia -. È una delle più iconiche giovani esponenti dei post-millennials, una ragazzina sveglia e capace di muoversi con agilità sui tablet o sul mio telefono, veloce a imparare l’uso di qualsiasi computer e marchingegno digitale. Tuttavia è molto piccola e ha bisogno di una guida. Anche io voglio essere sicura dell’ambiente in cui si muove, ma so che nonostante la giovane età le serve un prodotto che funzioni bene, più che bene! Non le bastano più i giocattolini che imitano il mondo digitale. Anzi, mortificano la sua naturale curiosità”.

iPod Touch - la prova di GG giovanigenitori

iPod Touch: la soluzione perfetta per i bambini

Per Natale Alice ha ricevuto il regalo un iPod Touch, un lettore multimediale di ultima generazione, che incorpora tutte le funzioni necessarie per l’intrattenimento e l’esplorazione digitale.
“L’ambiente Apple è familiare ad Alice, perché è lo stesso che uso io. Fin da piccina ha potuto avvicinarsi al mondo digitale, ma il telefono di mamma non si tocca senza permesso, il computer men che meno. Desiderava qualcosa di veramente suo, tuttavia ho pensato che non fosse ancora il momento di regalarle un suo telefono personale. Invece mi è piaciuta l’idea di un lettore multimediale, più agile e portatile rispetto a un tablet, meno ‘aperto’ e pericoloso rispetto a uno smartphone”.
iPod Touch si è rivelato il prodotto giusto. “Quando siamo andati a comprarlo, ho pensato che fosse troppo piccolo, ma il mio sguardo era quello di un adulto. Vedendolo nelle sue mani ho capito che è perfettamente proporzionato alle dita di un bambino. Fa tutto quello che deve perché Alice possa usufruire dei contenuti che le interessano e ha anche altre funzioni interessanti”. La forma e lo stile minimale sono l’ideale per giocare, per ascoltare la musica e per fare molto altro, ovunque si vada. 

Nella confezione si trovano ovviamente, l’iPod, un paio di cuffiette di alta qualità, il cavo lightning per la ricarica, una cover trasparente e un piccolo manuale di carta che aiuta nel primo utilizzo.  

iPod Touch - la prova di GG giovanigenitori

Facile controllo da parte dei genitori

Alice è una bimba che rispetta le regole, ma il mondo digitale la attrae in maniera irresistibile. Morde il freno, vorrebbe sperimentare. “La sensazione di sicurezza dei sistemi di parental control proposti da Apple mi ha subito tranquillizzato. Sono una mamma digitale e conosco i limiti e i punti di forza di quello che offre la tecnologia. Il sistema “In Famiglia” di Apple mi è sembrato perfetto per decidere fin dove può spingersi mia figlia. Posso supervisionare i suoi movimenti senza essere invadente”.

Ci sono, naturalmente, delle regole. “Esattamente come succedeva con il mio telefono o il mio computer, Alice usa l’iPod con la supervisione di un adulto. Basta essere nella stessa stanza per avere un controllo – dolce e non oppressivo – di quel che guarda o che vuole scaricare”. Grazie a “Tempo di Utilizzo” si può monitorare il tempo trascorso utilizzando app, visitando siti internet e, in generale, davanti allo schermo. È possibile impedire anche la riproduzione di musica con contenuti espliciti e di film o programmi TV con determinate valutazioni. iOS può anche filtrare automaticamente il contenuto dei siti web e bloccare quelli considerati inadatti o pericolosi.

iPod Touch - la prova di GG giovanigenitori

Multimedia per futuri blogger

Con grande sorpresa di Catia, la prima cosa che Alice ha fatto appena configurato l’iPod  è stato usare la fotocamera.
“Mi aspettavo che per prima cosa Alice ascoltasse musica e si mettesse a ballare, invece ha scattato centinaia di selfie e di fotografie di quel che la circonda. Foto belle, perché la fotocamera è da 8 MP con HDR per le foto, stabilizzazione automatica dell’immagine e controllo dell’esposizione. Solo che lei la usa dalla sua altezza e la prospettiva fa inquadrature bizzarre e creative. Poi ha chiesto di scaricare alcune app di fotoritocco e di effetti grafici ed era felice che non ci fossero problemi di spazio di archiviazione, come invece spesso succede con il telefono di mamma”.
iPod Touch è disponibile in versione base con 32 GB di memoria, ma volendo ci sono le versioni da 128 o da 256 GB, in sei colori diversi.
“Dopo le foto, Alice è passata ai video. Ha incominciato a riprendersi raccontando la sua giornata, ha inquadrato le mani mentre faceva un lavoretto di bricolage. Tutto questo, ha detto, è un esercizio per quando avrò il mio blog”.

Alice prova iPod

Videochiamate a misura di piccino

iPod Touch funziona senza scheda SIM e senza un numero di telefono, ma si collega attraverso il wi-fi e il Bluetooth. “Insieme abbiamo attivato un collegamento FaceTime tra il suo dispositivo e il mio telefono, per effettuare audio e videochiamate. Lo abbiamo fatto perché capita che Alice vada a dormire dalla nonna quando io devo assentarmi per lavoro. In questo caso mi fa una videochiamata se sente nostalgia oppure la mattina quando si sveglia”.

Avendo da poco cambiato città, ha chiesto di potersi collegare con qualche amichetta della vecchia scuola che ora non vede più. “Stiamo concordando le modalità di questo nuovo uso, ma penso che sia positivo che possa mantenere un contatto con le vecchie amiche”.

iPod Touch - la prova di GG giovanigenitori

Un mondo di giochi

Con i giochi Alice è stata di nuovo una sorpresa: non la interessano poi tanto. Ha provato a scaricarne un po’, ma non si è davvero appassionata. Le piace piuttosto avere la possibilità di scaricare applicazioni collegate alla sua realtà: l’app del libro di scuola, quella del canale televisivo preferito o della collana di libri di narrativa che ama.
La potenza di gioco dell’iPod Touch è stata però gradita dal cuginetto, felicissimo di trovarsi fra le mani uno strumento potente, con un bello schermo che mostra giochi dalla grafica dettagliata e dall’azione fluida. Merito del nuovo chip A10 Fusion, che fa dell’iPod Touch un dispositivo veloce e potente, con prestazioni migliori e esperienze coinvolgenti in Realtà Aumentata, per dare vita agli oggetti in 3D. E anche di iOS e della possibilità di accedere ad Apple Arcade, il servizio di giochi in abbonamento senza pubblicità o acquisti aggiuntivi, che consente di giocare anche quando si è offline. “Assolutamente non un giocattolino, ma un vero e proprio componente della famiglia Apple. Ora ciascuno ha il suo: mamma l’iPhone e l’iMac per lavorare, Alice l’iPod, che – confesso – qualche volta prendo in prestito anch’io per giocare. Ma rigorosamente, dopo aver messo a letto Alice”.

Per saperne di più, segui il link alla pagina ufficiale Apple

Iscriviti alla newsletter

X