Safer Internet Day 2022

da | 8 Feb, 2022 | Tech

La giornata per sensibilizzare sulla sicurezza della Rete

Cade l’8 febbraio il Safer Internet Day, una giornata promossa dalla Commissione europea per sensibilizzare e informare sui rischi potenziali legati all’utilizzo della Rete. E nel 2022 la giornata punta soprattutto sull’uso corretto e sicuro di Internet da parte di giovani e giovanissimi.

“Together for a better internet”  è lo slogan di quest’anno. Apple è tra i sostenitori ufficiali della giornata e negli Apple Store verranno proposte sessioni gratuite su come garantire la sicurezza dei bambini online utilizzando i dispositivi Apple. Le sessioni mettono la sicurezza al primo posto in modo semplice. Tra le buone pratiche in famiglia: un dialogo sempre aperto con i bambini su come si naviga nella Rete, ci si mantiene in contatto o ci si diverte in tutta sicurezza.

Il programma di eventi educativi e di tavole rotonde si svolgerà all’interno degli Apple Store (la partecipazione è gratuita, la prenotazione, necessaria) e anche online. Gli eventi hanno inizio l’8 febbraio e durano tutta la settimana. 

Nell’App Store verranno inoltre messe in evidenza alcune app che aiutano a gestire meglio i dati e a essere al sicuro online.

Suggerimenti e consigli pratici

Ormai non si può negare l’evidenza: la maggior parte dei bambini ha una vita e una identità digitale già da piccoli. Per la loro sicurezza lo strumento principale e più efficace resta il dialogo oltre alla presenza degli adulti di riferimento al fianco dei giovani navigatori. La tecnologia dal canto suo può aiutare con strumenti appositi.

Chi utilizza dispositivi Apple deve innanzitutto impostare la funzione “In famiglia” che permette all’utente e ad altri cinque componenti della famiglia di condividere facilmente musica, film, programmi tv, app, libri, abbonamenti e molto altro. E se uno dei dispositivi si perde, tutti possono dare una mano per scoprire dove si trova.

Un adulto della famiglia (l’organizzatore) invita gli altri e configura gli account per i più piccoli (sotto i 13 anni). L’organizzatore può in ogni momento limitare gli acquisti attivando l’opzione “Chiedi di acquistare”. Se un bambino avvia la procedura di acquisto, l’organizzatore riceve una notifica, vede di cosa si tratta e può autorizzare o annullare l’operazione direttamente dal proprio dispositivo. Lo stesso vale anche per i download gratuiti.

Attivando la funzione “Tempo di utilizzo” si può capire come e quanto i bambini usano i loro dispositivi, quali app adoperano più spesso e quanto tempo passano sul web. Oltre al resoconto delle attività e si può impostare un limite di utilizzo per specifiche app e creare un codice dedicato per le impostazioni, in modo che solo il genitore di riferimento le possa modificare. 

Impostazioni utili

“Tempo di utilizzo” consente di settare diverse impostazioni che possono essere molto utili per garantire la sicurezza dei più piccoli. Puoi decidere per quanto tempo tuo figlio può utilizzare un dispositivo impostando “Pausa di utilizzo”. Il bambino riceverà una comunicazione 5 minuti prima della sospensione delle attività e tenterà sicuramente di richiedere tempo supplementare attraverso l’apposita funzione. Sarà il genitore a decidere se accordarlo, e per quanto. Durante la pausa di utilizzo sono disponibili solamente le chiamate e alcune app a scelta.

“Limitazioni app” permette di impostare limiti giornalieri per varie categorie di app, che si aggiornano quotidianamente a mezzanotte e che sono eliminabili in qualsiasi momento. Telefono, messaggi, FaceTime e mappe sono sempre consentiti di default, ma si possono rimuovere se lo si desidera.

Si può decidere con chi possono comunicare i bambini nel corso della giornata e durante la pausa di utilizzo con “Limitazioni comunicazioni”. È sempre consentita la comunicazione con i numeri di emergenza noti identificati dall’operatore telefonico.

Si possono poi impostare restrizioni ai contenuti e alla privacy, impedire la fruizione di contenuti espliciti o con determinate valutazioni, così come la visualizzazione di determinati contenuti web, limitare la ricerca con Siri e molto altro ancora.

Tenendo sempre presente che la miglior difesa per ogni bambino è la conoscenza dei rischi e delle regole per una sicura navigazione e la condivisione con mamma e papà!

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista