Amici dalle lunghe orecchie

Chi per anni lo ha creduto stupido e testardo deve ricredersi. L’asino ha rilanciato la sua immagine, non solo grazie alla simpatia di Ih-oh e Ciuchino, compagni di avventura maldestri e bonari di Winnie the Pooh e Shrek, ma anche grazie alla passione che sa suscitare nei bambini e al senso di quiete e relax che riesce a trasmettere. E’ un animale di grande intelligenza, sensibile, dolce, curioso e responsabile. Con gli asini i bambini vanno d’accordo, senza facili ironie perché, come lui, amano andare a passo lento. La sua indole, diversa da quella irruenta del cavallo, permette di avvicinarlo e farsi avvicinare ed è per questo che negli ultimi tempi è diventato il protagonista di un nuovo tipo di pet-therapy rivolto ai bambini, anche piccolissimi. La docilità (difficilmente un asino morde o tira calci) e l’instancabile capacità di camminare portando carichi quasi senza sforzo, fanno di lui l’insostituibile protagonista di passeggiate nel verde che non mettono paura. Dove trovare gli asinelli lo leggete in queste pagine.

Un amore d’asino

Valentina Barbasso è una giovane ma espertissima someggiatrice. Nella sua fattoria ci sono più di venti asinelli e qualche cucciolo appena nato. Propone passeggiate in campagna che vanno dal piccolo giro fino alle gite che impegnano una intera giornata. Alla passeggiata si abbina sempre una visita in cascina, per coccolare gli altri animali e magari fermarsi per un picnic o una merenda sul prato. A settembre organizza percorsi ludico-didattici sul miele, sulla vendemmia, sulla mungitura e il ciclo del formaggio e – novità – una giornata di educazione cinofila rivolta ai bambini, per costruire il giusto rapporto con l’amico quattrozampe. Da Valentina si possono acquistare inoltre due linee di cosmetici prodotti da lei con il latte d’asina, il propoli e il miele della cascina.

Cascina Matiné
Strada Tetti Marsino, 10 – Chieri (TO)
Cell. 345 3102552 – www.cascinamatine.com

Asini si nasce

In un piccolo paese della Valle Po, in provincia di Cuneo, è nata l’Associazione Asini si nasce… e io lo Nakkui, che gestisce e promuove gli asini attraverso passeggiate nelle antiche borgate o su vecchi sentieri montani. Nel trekking someggiato l’asino, di norma, non si cavalca ma si accompagna (in fondo lui si carica sulla schiena tutti i bagagli). Si fa eccezione nelle passeggiate con i bambini, dove un animale è dedicato al loro trasporto. L’avventura consigliata per le famiglie comincia con la conoscenza e la bardatura dell’animale. Si parte a piedi dall’asineria, si attraversano boschi, vecchie borgate e mulattiere e si arriva allo storico sito di Balma Boves, dove si potrà sostare e visitare le balme, piccoli rifugi contadini del secolo scorso. Nel pomeriggio si rientra all’asineria. Il costo indicativo della passeggiata varia dai 10 ai 15 euro a persona, ma per le famiglie ci sono sconti speciali.

Asinari del Monviso
Via Roma, 63 – Paesana (CN)
Cell. 340 0928289

A Udine: bimbi, nonni e asinelli

Nonni e nipoti insieme per conoscere l’asino, attraverso le coccole, la striglia e la spazzola. Lo propone l’Albergo Diffuso Borgo Soandri di Sutrio, in Carnia (Udine), che rende il tenero equino protagonista di un weekend in montagna. Il pacchetto-vacanza è pensato per passare qualche giorno in compagnia dei nonni: i bimbi conosceranno da vicino il mondo degli asini e impareranno a condurli e prendersi cura di loro. Se saranno fortunati, durante le passeggiate possono avere la fortuna di imbattersi nello Sbilf, uno dei numerosi folletti che popolano i boschi e i torrenti della Carnia. Fra le attività proposte c’è anche la visita allo spettacolare presepe meccanico di Teno che rappresenta la vita, gli antichi mestieri, le tradizioni  di Sutrio e della montagna carnica. I weekend sono organizzati fino a metà settembre e comprendono l’alloggio in uno dei caratteristici mini-appartamenti ricavati in antiche case in pietra e legno, colazioni contadine con prodotti tipici e cene in uno dei ristoranti convenzionati. Costo a partire da 140 euro. Ai bambini under 12 e ai nonni over 65 sono riservati forti sconti.

Albergo Diffuso Borgo Soandri
Sutrio (Udine)
Tel. 0433 778921 – www.albergodiffuso.org

Asini di città

Gli animali della fattoria si trovano anche a due passi dal centro di Torino. Nella prima fattoria didattica cittadina – Pro Polis – c’è l’asinello Pippo, ci sono le pecore, le oche e trecentomila api che si possono osservare in sicurezza da una grande vetrata. C’è un parco avventura per passeggiare tra i noci con ponticelli, funi e carrucole, c’è un laghetto, un giardino delle farfalle, tanto verde e molto spazio per l’educazione ambientale. C’è l’AgriFiorio, gelateria all’aria aperta dove si gusta il celebre gelato torinese e un grande ristorante, luminoso e babyy friendly, dove vengono cucinati piatti con prodotti locali a prezzi accessibili. Il martedì e il venerdì sera una sala del ristorante è riservata ai piccoli ospiti, per giocare, leggere e riposarsi sotto lo sguardo attento di una educatrice. Il luogo di tante delizie è il Parco del Nobile, sulla collina del Po. La gestione è della Cooperativa Agriforest, che da anni cura il parco con attenzione, fantasia e spirito di iniziativa.

Fattoria Pro Polis
Strada del Nobile, 86/92 – Torino
Ristorante: tel. 011 6604223  – www.fattoriapropolis.it

Salvatori di asinelli

Ci mettono più che passione al Rifugio degli Asinelli. Il centro ospita 113 animali (tra cui, ultimo arrivato, il primo mulo di nome Marco), quasi tutti salvati da maltrattamenti e crudeltà. Il Rifugio si trova nel Biellese, a pochi chilometri dalla miniera d’oro a cielo aperto della Bessa, dal giardino della Burcina, famoso per la ricca fioritura dei rododendri e dalla Baraggia, un ambiente naturale che ricorda la savana africana. E’ possibile adottare un asinello a distanza, con un contributo di 24 euro. Domenica 18 settembre, dalle 14 alle 17, si tiene un Grooming Day in cui adulti e bambini sono invitati ad approfondire la conoscenza di questi meravigliosi animali.

Il Rifugio degli Asinelli
Via per Zubiena 62 – Sala Biellese (BI)
Tel. 015 2551831 – www.ilrifugiodegliasinelli.org

Terapia con l’arte e con l’asino

L’asino è usato con successo nella pet-therapy. E’ un metodo di cura attivo, che non permette di restare passivi o di isolarsi e sfrutta le caratteristiche proprie dell’asino per entrare in comunicazione con il paziente: taglia ridotta, pazienza, morbidezza al tatto, lentezza di movimento e tendenza ad andature monotone. Autismo e iperattività sono le problematiche più trattate, ma l’onoterapia è utile anche per i disturbi dell’apprendimento e del linguaggio e per i bambini molto piccoli. Un nuovo centro di onoterapia ha aperto in provincia di Torino, vicino Ivrea. L’idea è di Stefania Porrino, arteterapeuta ed educatrice. Oltre alla parte terapeutica, avrà una ludoteca (Un, Due, Tre Stella!), uno spazio di arteterapia (l’Atelier) e un maneggio (L’Asino che Vola) aperto alle famiglie nel weekend. In attesa della fine dei lavori, si può passare a portare coccole e carote agli asinelli.

Arti in movimento
Montalto Dora (TO) – bunny.77@tiscali.it – cell. 347 9643781

Iscriviti alla newsletter

X