Camminare sulla neve? Il “sentiero meditativo” in Alta Val Badia

da | 14 Gen, 2022 | Dove Andare, Lifestyle, Outdoor, Viaggi

L’angolo delle Dolomiti più amato dalle famiglie, grazie allo “ski for kids”: è l’alta Val Badia

Si passeggia anche nella stagione fredda e lo si fa sui sentieri coperti di neve in una delle vallate più belle dell’Alto Adige. Parliamo dell’alta Val Badia, un angolo di Dolomiti incuneato tra due parchi naturali, molto amato dalle famiglie perché d’inverno offre promozioni interessanti, soprattutto per gli amanti dello sci, come “ski for kids” che offre ospitalità e skipass gratuito ai bambini sotto gli otto anni.

Chi non scia non si senta messo da parte, anzi. Ci sono strutture e impianti per fondo, pattinaggio, slittino e naturalmente molti snowpark. Belle anche, soprattutto, le passeggiate. Grazie agli 80 km di sentieri ben battuti dai gatti delle nevi, si cammina nella quiete e nella natura in ogni stagione, senza che sia necessario avere racchette e bastoncini. Bastano scarponi impermeabili o caldi doposci e si va tutti a spasso. Sulla neve!

Il Tru de meditaziun

La passeggiata che suggeriamo è facile e breve. Si cammina lungo un “sentiero meditativo” chiamato “Memento vivere” ossia “Ricordati di vivere”, con pannelli, frasi e momenti di raccoglimento che scandiscono il corso della vita, dalla nascita all’età anziana.

Il percorso si snoda per un chilometro e mezzo, supera un dislivello di 170 metri e si percorre in circa un’ora di cammino con la neve (solo andata). La passeggiata è possibile in tutte le stagioni, ma è soprattutto quando è tutto bianco che esplode la magia.

Si parte dalla borgata di La Val/La Valle, a quota 1.348 metri, accanto alla chiesa principale dove si trova il pannello d’inizio. Si imbocca Strada Santa Berbora seguendo la segnaletica di legno, si piega a sinistra all’altezza della caserma dei pompieri e si segue la strada asfaltata che punta verso borgata Cians. Dopo La Val si trova la prima delle cinque installazioni meditative.

Proseguiamo sulla strada asfaltata (solitamente questo tratto viene ripulito dalla neve) e giunti al tornante si abbandona la strada per imboccare il sentiero (tavoli e panchine, più un cartello di legno “Santa Berbora/Tru de meditaziun“). Da questo punto si abbandona l’asfalto e si cammina su neve solitamente ben pestata.

Il sentiero procede con una gradevole pendenza e porta alla seconda installazione, formata da un bel disegno dell’Arca di Noè e da uno specchio. Si prosegue con salita molto graduale passando alla terza installazione (campane tubolari), alla quarta (una struttura metallica con iscrizioni tratte dalla Bibbia).

La quinta (una panchina e un vetro con poesie) è alla base di una salita più decisa che attraversa un boschetto. Quando si esce si taglia attraverso i prati e si giunge dritti alla chiesetta di Santa Barbara, già in vista.

Santa Barbara e San Genesio

Questo tratto, all’aperto dei prati, è il più bello. Dalla chiesa (1.520 metri circa) la vista si apre sulle vallate attorno. L’edificio risale al 1490 ed è dedicato alla patrona dei minatori e a San Floriano, che protegge dagli incendi. È riccamente decorato e al suo interno si trovano fogli e matite per fare disegni o scrivere brevi pensieri da appendere poi a un pannello.

Volendo, dalla chiesa si intravede una seconda costruzione facilmente raggiungibile. Si tratta della chiesa di San Genesio, che si raggiunge con una strada non sempre battuta. Una sorpresa finale farà impazzire i piccoli escursionisti: la chiesa appare bella, ma appena la si raggiunge si scopre che in piedi ci sono il campanile e un solo muro.

Una perfetta quinta scenografica! Chiamata in ladino “dlijia vedla Sàn Senese“, risale al 1382 ed era la vecchia chiesa di La Val, fino all’edificazione nel 1856, della nuova chiesa in centro al paese. Lasciata al degrado, San Genesio venne demolita nel 1935, ma rimasero in piedi il campanile e una parete con alcune pitture.

La passeggiata è adatta a tutti, però non è accessibile con passeggini o mezzi con ruote. L’abbigliamento deve essere adeguato alla neve, caldo e impermeabile. Fontane per riempire le borracce si trovano in La Val, così come bar e ristoranti.

Informazioni al Consorzio Turistico Alta Badia: www.altabadia.org.

alta val badia

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista