Il diario delle vacanze, un bel passatempo per bambini e ragazzi

Il diario delle vacanze è un passatempo intelligente che stimola la riflessione e aiuta a conservare i ricordi. Come sceglierlo e come riempirlo

È un evergreen dell’estate, il diario dele vacanze. A volte lo vogliamo fare noi, a volte lo assegna la scuola come compito. Ma l’idea ci piace: con un po’ di fantasia raccogliamo i ricordi più belli dei mesi caldi. Ci farà piacere sfogliarlo insieme, a fine vacanza, oppure conservarlo fra i ricordi per quando i bambini saranno grandi.

Il diario delle vacanze fatto in casa 

Il diario più bello è quello realizzato dai bambini con le loro mani. Utilizziamo un quaderno avanzato da scuola oppure uno dei grandi raccoglitori ad anelli che non ci servirà nel prossimo anno scolastico. Foderiamo la copertina con carta da pacchi colorata e decoriamo con scritte, disegni e adesivi.

GG diario delle vacanze3

 

Con il lucchetto

Il diario è un amico segreto: per lasciare liberi bambini e ragazzi di esprimere il loro vissuto, compriamo il classico diario con lucchetto. Lo abbiamo avuto tutti e tutti lo abbiamo amato. E non leggiamolo se non siamo invitati a farlo! 

diario segreto con lucchetto

Da acquistare in liberia

Se non abbiamo tempo o pazienza di preparare il nostro diario delle vacanze personale, Editoriale Scienza propone un libro-diario pronto da riempire. Consigliato a partire dai 6 anni, contiene pagine da colorare, pagine per scrivere e pagine per collezionare i ricordi più belli delle vacanze. Con una tasca segreta e gli stampini degli animali.

Editoriale scienza diario delle vacanze 

In formato app

Ai nativi digitali piacerà sicuramente il diario in formato digitale, che permette di scrivere i pensieri, scattare foto e disegnare schizzi di paesaggi da inserire tra le pagine. L’app si chiama Universum ed è molto carina nella sua semplicità.

A fine vacanza si scarica tutto in formato PDF e si stampa.

Diario delle vacanze - app

Ma cosa scrivo sul diario delle vacanze?

Una volta scelto il proprio diario, bisogna cominciare a riempirlo. Per non farsi venire l’ansia dello scrittore di fronte alla pagina bianca, ecco alcuni consigli.

 

  • Si comincia con la data e volendo anche l’ora.
  • Si scrive in prima persona singolare.
  • Non serve no stile particolare, il diario è un amico silenzioso che riflette il carattere della persona che scrive.
  • Si elencano i posti visitati, cercando di ricordare situazioni particolari, stati d’animo  e sentimenti evocati dal viaggio.
  • Si aggiungono eventuali ricordini: biglietti, menu, fotografie, etichette, adesivi: una spolverata di sabbia.

Per concludere, una raccomandazione importante: un buon diario delle vacanze è sempre accompagnato da un portapenne che contiene penne, pennarelli colorati, un po’ di colla e di un rotolo di scotch.

Iscriviti alla newsletter

X