La settimana del Pianeta Terra

Oltre cento eventi in tutta Italia dedicati alla scoperta delle geoscienze, dal 13 al 20 ottobre, per ammirare il patrimonio geologico e paesaggistico del nostro pianeta

“Una società più informata è una società più coinvolta” è il motto del festival La Settimana del Pianeta Terra, che ha inizio quest’anno il 13 ottobre.

Sette giorni fitti fitti di appuntamenti – o Geoeventi – all’insegna della consapevolezza, per conoscere meglio il pianeta in cui viviamo. Escursioni nella natura, passeggiate nei borghi più belli, visite guidate in centri di ricerca normalmente chiusi al pubblico, laboratori sperimentali, escursioni e spettacoli: oltre cento iniziative in tutta la penisola, quasi tutte gratuite e adatte a un pubblico di ogni età.

Gli imperdibili

Tanti gli appuntamenti interessanti, ecco una piccola selezione che sicuramente saprà suscitare la curiosità dei bambini. 

Domenica 13 ottobre: A spasso da “Nessie” (l’antenato del Mostro di Loch Ness)

Il Museo di Storia Naturale Gagliole (MC) – Fondazione Oppelide organizza un’escursione nella Riserva Naturale Regionale del Monte San Vicino. Qui si può osservare un sottile strato argilloso che rappresenta il “livello di impatto” che segna il passaggio dal Cretaceo al Paleogene (66 milioni di anni fa).

Nel vicino Museo di Storia Naturale, si ammira lo scheletro fossile lungo 5 metri di un rarissimo plesiosauro rinvenuto negli USA e giunto a Gagliole da una donazione privata.

Da lunedì 14 a domenica 20 ottobre: nel ventre della terra a Toirano

Sprofondare fino a 50 metri, lungo un percorso di 2 km nel cimitero per orsi delle caverne più grande d’Europa, ammirando impronte di zampe, graffi di artigli e resti degli animali che qui andavano in letargo: è il bello di una visita alle Grotte di Toirano.

Ancora più interessanti da visitare ora, grazie alle recenti scoperte di testimonianze dell’uomo preistorico: impronte di piedi, mani e ginocchia e, nella “sala dei misteri”, palline d’argilla attaccate alla parete contro la quale furono scagliate, probabilmente con significato rituale.

la settimana del pianeta terra

Da lunedì 14 a domenica 20 ottobre: viaggio tra sismi e Mammuthus + Lego Adventure

Presso il Palazzo del Podestà di Arezzo una mostra sui terremoti: dalle cause agli effetti, partendo dalle interpretazioni mitologiche fino ad arrivare alle moderne tecniche dell’ingegneria antisismica. Sempre ad Arezzo si visita il Museo Paleontologico di Montevarchi, con la sua ricca collezione di fossili animali, come l’Elephas meridionalis, proboscidato di oltre 4 metri e 200 quintali, e il cranio del Macharoidus meganteron, la cosiddetta “tigre dai denti a sciabola”. Imperdibile domenica 20, per i ragazzini dai 4 ai 14 anni, “Lego Adventure”, il laboratorio di creatività con tanti mattoncini colorati.

Venerdì 18, sabato 19 e domenica 20 ottobre: sulle tracce dell’uomo che venne dall’argilla

Argil era un cacciatore di circa 400 mila anni fa. Cacciava elefanti. Scheggiava pietre affilate all’ombra dei vulcani, sulle rive del lago lirino, aspettando che un grosso felino abbandonasse la sua preda per finire di ripulirla. A 25 anni dalla sua scoperta, l’Homo heidelbergensis, uno degli ominidi più antichi d’Europa, fa ancora discutere la comunità scientifica. Una escursione e un cammino lento lungo la Via Francigena, ci riportano alla straordinaria scoperta avvenuta il 13 marzo 1994, quando furono rinvenuti i primi reperti dell’uomo emerso dall’argilla. 

Sabato 19 ottobre: le Gocce di Vicenza, i gioielli che produce la natura

Le Gocce di Vicenza sono minerali cavi di calcedonio ènidro, formatisi durante il raffreddamento dei magmi in alcuni siti lavici del vicentino: la cosa meravigliosa è che al loro interno contengono inalterata una piccola quantità di acqua di condensazione. Si tratta di acqua fossile dell’età di ben 40 milioni di anni fa: degli straordinari e rarissimi gioielli della natura che si possono ammirare nell’escursione dal Museo Zannato di Montecchio all’ex cava del Monte Main, in provincia di Vicenza.

la settimana del pianeta terra

 

Leggi anche –> Saturday for future, quando fai la spesa cambi il mondo

Iscriviti alla newsletter

X