Il vaccino spray: sicuro, efficace e meno traumatico

da | 18 Gen, 2021 | Lifestyle, Salute e Benessere

Usato moltissimo in USA e Nord Europa, il vaccino per via nasale è arrivato in Italia: ecco tutto quello che c’è da sapere 

Il vaccino antinfluenzale spray è usato da decenni in USA, Canada e in alcuni Paesi europei come la Finlandia e l’Irlanda. È sicuro, poco invasivo, meno doloroso e meno traumatico per i bambini. Quest’anno è arrivato anche in Italia, offerto dalla Regione Lombardia, al momento la prima e l’unica a utilizzarlo.

Come funziona

Il vaccino spray è un vaccino influenzale quadrivalente, vale a dire che contiene quattro ceppi di virus influenzali, due di tipo A e due di tipo B. È uno spray predosato, comodo e immediato anche nel confezionamento, che viene somministrato con spruzzo nella narice. Il vaccino stimola la produzione di anticorpi contro i virus influenzali, soprattutto a livello delle prime vie respiratorie. “È un vaccino molto valido, con un ottimo profilo di sicurezza. Ha il valore aggiunto di non richiedere un’iniezione, facilitando la somministrazione e l’accettabilità”, spiega la dottoressa Catia Boriello che dirige l’unità operativa per le vaccinazioni dell’azienda sanitaria Fatebenefratelli Sacco di Milano.

Quando è consigliato

Secondo le indicazioni internazionali, il vaccino spray è adatto a dai 2 ai 18 anni. In Italia viene raccomandato per la fascia di età 2 – 6. “Per queste bambine e bambini è offerto gratuitamente, così come per ragazze e ragazzi dai 7 ai 18 anni che presentano qualche rischio o patologia per cui è caldamente consigliata la vaccinazione”, continua la dottoressa Catia Boriello. “Il vaccino ha poche controindicazioni, che vengono valutate al momento della vaccinazione, ma è sicuro ed efficace”. A non poterne giovare sono i soggetti allergici all’uovo, gli immunodepressi, gli asmatici e ovviamente chi ha avuto reazioni allergiche ad altri vaccini. 

È sconsigliato al di sotto dei due anni perché potrebbe dare qualche problema respiratorio temporaneo. Capita, come per molti vaccini iniettati, che dia un po’ di febbre, mal di testa, inappetenza e naso che cola, ma tutto si risolve nel giro di un paio di giorni. Il vaccino spray, come quello tradizionale, è da rinviare in caso di  malessere, febbre e raffreddore.

I vantaggi

Il vaccino spray è molto valido, soprattutto per i bambini. La somministrazione è più facile, comoda e immediata rispetto alla puntura intramuscolare. Meno doloroso e traumatico, non spaventa i bambini anche perché non si prova dolore. 

“Offrire il vaccino spray nasale in questa fascia d’età – commenta Gian Vincenzo Zuccotti, direttore del Dipartimento di Pediatria dell’Ospedale dei Bambini di Milano – è estremamente importante perché questi bambini sono colpiti da diverse forme virali, tra le quali anche quelle influenzali. Il vaccino consente inoltre di ridurre i casi di influenza, rendendo meno difficoltosa la diagnosi differenziale nei confronti dell’infezione da Coronavirus e alleviando il carico di lavoro sul Sistema Sanitario Regionale”. 

Si parte in Lombardia

“Il vaccino spray è utilizzato dalla fine degli anni ’90 – spiega la dottoressa Boriello – ma in Italia non era mai stato utilizzato. La Regione Lombardia ha deciso di offrirlo per questa stagione antinfluenzale, avendo acquisito tutte le autorizzazioni dell’Agenzia italiana del Farmaco AIFA e del ministero”. 

Fondazione Buzzi e Fatebenefratelli Sacco, assieme alla Metro5, hanno allestito un ambulatorio colorato e accogliente presso la fermata Metro Gerusalemme di Milano per somministrare gratuitamente il vaccino spray nasale ai bambini tra i 2 e i 6 anni. “L’iniziativa è nata dal forte interesse per un vaccino utilizzato con successo in altri paesi e che permette di aumentare il numero dei vaccinati tra i più piccoli. In questo momento è stato offerto solo in Lombardia, prima e unica regione in Italia”. 

L’Italia a rallentatore

Poche altre Regioni stanno valutando la possibilità di seguire la Lombardia e introdurre la vaccinazione spray nasale contro l’influenza, nonostante i grandi vantaggi. L’Umbria ha da poco annunciato la volontà di somministrare vaccini spray, ma l’Italia va complessivamente molto a rilento. Diversamente, in particolari casi, è possibile ordinare il vaccino spray da farmacie internazionali, con prescrizione medica, ma solo ed esclusivamente attraverso le ASL territoriali. In questo caso però il costo è a carico del privato. È molto pericoloso acquistare farmaci in autonomia, senza verificarne la fonte e la qualità.

Leggi anche –> Vaccinazione antinfluenzale per i bambini, sì o no?

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

In vacanza sui vulcani

I vulcani sono irrequiete montagne che affascinano grandi e piccini, mete ideali per una vacanza originale

Bambini aggressivi: che fare?

Come riconoscere e gestire un eccesso di aggressività? Gestire i bambini aggressivi mette tutti in difficoltà: i consigli delle psicologhe di Completamenti