Kalabria Coast to Coast: il cammino perfetto da affrontare in famiglia

da | 21 Giu, 2021 | Lifestyle, Pillar, Viaggi

Un bel cammino, mappato di recente, porta alla scoperta della Calabria, in un percorso dalla costa ionica a quella tirrenica: Kalabria Coast to Coast è una bella esperienza da fare anche in famiglia 

Si scrive con la K, ma si legge con la C: il Kalabria Coast to Coast è il cammino ideale da affrontare tutti insieme in famiglia in questa primavera-estate, per scoprire il lato più bello di una regione meravigliosa e ospitale. 

Si tratta di un percorso naturalistico di 55 chilometri, adatto anche a chi non ha particolari preparazioni: una bella avventura a piedi e zaino in spalla con i bambini al seguito.

Un’esperienza bellissima, per vivere qualche giorno totalmente immersi nella natura, in tutta sicurezza.

Rivolgendosi all’associazione che lo ha promosso turisticamente, infatti, si può attivare un servizio di assistenza telefonica a cui fare riferimento per qualsiasi necessità si possa presentare durante il cammino.

Un percorso da affrontare a tappe

Il percorso non è da affrontare tutto in una volta: 55 chilometri, quando si hanno le gambette piccole di un bambino, non sono certo uno scherzo.

Ma è proprio questo il bello dei cammini: ognuno può percorrerli nel tempo che ritiene opportuno, fermandosi lungo il tragitto a scoprire i meravigliosi luoghi di passaggio.

Il Kalabria Coast to Coast, in particolare, è un cammino pensato in tre diverse tappe, che portano dalle bianche spiagge ioniche della Costa degli Aranci fino alle dorate spiagge tirreniche della Costa degli Dei.

Da costa a costa, appunto, passando per il territorio montano delle Preserre Calabre e attraverso pittoreschi borghi dove il tempo sembra essersi fermato e dove anche i più piccoli potranno scoprire la bellezza di una vita più slow e meno digitale.

Antichi mestieri, strade non trafficate dove correre e giocare, strutture ricettive caratteristiche e ristoranti dove gustare la grandissima tradizione culinaria calabrese. Tutto questo si può trovare in paesini come Petrizzi, San Vito sullo Ionio, Monterosso Calabro o Pizzo, tutti toccati da questo bellissimo cammino. 

La prima tappa

La prima tappa del percorso, lunga in tutto 12,3 chilometri, va da Soverato a Petrizzi, in provincia di Catanzaro.

Prima di partire si può approfittare del bel lungomare di Soverato per fare un bagno tonificante che dia la giusta carica per affrontare il cammino, che in questa prima parte sale un pochino per permettere di raggiungere il belvedere del monte La Rosa.

Prima di partire, inoltre, è bene rifornirsi di acqua potabile, perché l’intera tappa si svolge nel mezzo della natura, senza fonti di acqua potabile fino all’arrivo nel centro storico di Petrizzi. 

Calabria

La seconda tappa

La seconda tappa (23,5 chilometri) si svolge tra sentieri di campagna e campi di grano dorati.

Vista la lunghezza della tappa, si può anche dividerla in due, fermandosi al passaggio a San Vito sullo Ionio, dove i bambini si possono divertire nel parco avventura “Il bosco sospeso”.

La tappa finisce a Monterosso Calabro, uno dei paesi più belli d’Italia. 

La terza tappa

L’ultima tappa del percorso è lunga poco più di 19 chilometri e porta da Monterosso Calabro fino a Pizzo. Questa parte del cammino è particolarmente bella, attraversa infatti l’Oasi naturalistica del lago Angitola.

Creato artificialmente nel 1966, il lago oggi è dichiarato “zona umida di valore internazionale”, dal momento che attrae uccelli di più di cento specie diverse.

A Pizzo, un borgo arroccato su un promontorio al centro del Golfo di Sant’Eufemia, vi attende qualche bella spiaggia dove rilassarvi con un bagno e un bel castello da visitare.

Si tratta del Castello Murat, chiamato così in memoria di Gioacchino Murat, generale francese che qui venne imprigionato e fucilato nel 1815 (all’interno del castello c’è anche un museo che racconta la storia dei suoi ultimi giorni).

Da non perdere a Pizzo, se ci si ferma qualche giorno, è anche una visita alle belle grotte naturali che si trovano nei dintorni. 

Calabria

Organizzarsi bene prima di partire

Per affrontare il cammino in sicurezza e con le giuste attenzioni che si devono avere quando si fa un viaggio con i bambini, è assolutamente fondamentale organizzarsi per tempo e raccogliere tutte le informazioni necessarie.

Il sito ufficiale del cammino fornisce tutti i particolari utili e permette di fare il check-in prima della partenza (in modo che il proprio percorso sia sempre monitorato).

Inoltre, sul sito troverete una lista di strutture ricettive in cui fermarsi lungo il percorso. Il consiglio è sempre quello di prenotare per tempo, studiando le tappe e la distanza da percorrere senza mai avere la tentazione di esagerare.

Meglio impiegare un giorno in più e fare il sentiero con la giusta tranquillità, godendosi ogni singola tappa.

Come per la maggior parte dei cammini del mondo, i camminatori potranno ricevere al momento della partenza un “passaporto del viaggiatore”, che permetterà di avere accesso alle convenzioni su tutte le strutture ricettive localizzate lungo il Cammino

In ogni paese o struttura dove verrà ospitato riceverà un timbro, fino al completamento del percorso: anche questo sarà un bel ricordo da conservare dopo una bellissima avventura vissuta tutti insieme.

kalabria

Può interessarti: Summer Camp al Centro di Recupero Tartarughe Marine di Brancaleone, in provincia di Reggio Calabria.

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

In vacanza sui vulcani

I vulcani sono irrequiete montagne che affascinano grandi e piccini, mete ideali per una vacanza originale

Bambini aggressivi: che fare?

Come riconoscere e gestire un eccesso di aggressività? Gestire i bambini aggressivi mette tutti in difficoltà: i consigli delle psicologhe di Completamenti