GPS sui grembiuli, così gli studenti non scappano da scuola. Succede in Cina

Controllare gli studenti installando un localizzatore GPS sui grembiuli. “Così non scappano da scuola”. Succede in Cina

Gli studenti del distretto di Guizhou, in Cina, indossano divise così smart da avere persino un dispositivo GPS cucito all’interno. Un piccolo localizzatore grazie al quale i ragazzi possono essere controllati ogni momento, dai genitori e dagli insegnanti che vogliono assicurarsi della loro presenza e sicurezza all’interno della scuola.

Se pensavate che il registro elettronico fosse già un passo avanti in un mondo stile Black Mirror, dove tutti sono tracciati e riconoscibili, dovete mettervi al passo con i tempi.

Le divise intelligenti sono state adottate dalla Xiuwen High School. Quando gli studenti entrano a scuola vengono registrate ora e data e i genitori possono guardare un breve video del loro ingresso e controllarne la posizione attraverso un’app.

Il sistema anti-furbetto

Il nome dello studente e le informazioni relative alla classe sono disponibili anche allo staff della scuola. Se non bastasse, c’è anche un sistema contro i furbetti che potrebbero mettersi d’accordo per scambiarsi le divise. All’ingresso della scuola un sistema di riconoscimento facciale controlla che ogni divisa venga indossata dallo studente giusto.

Ogni studente riceve quattro divise, due invernali e due estive, dotate di chip installati sulle spalle. Il costo complessivo delle uniformi si aggira intorno ai 320 yuan (41 euro). Stando a quanto riportato dal giornale China Daily, le divise sono in funzione da un mese e già più di mille studenti le indossano. Particolare utile in famiglia: le divise sono lavabili. Resistono a oltre 500 lavaggi in acqua calda.

Eccesso di controllo

“Essere padre di un bambino o di un adolescente non è facile – commenta uno dei genitori della Xiuwen High School -. Ben vengano le divise se aiutano a evitare problemi”. In termini di sicurezza la decisione sembra vincente, ma non porta a un eccesso di controllo?

Chu Zhaohui, docente e ricercatore al National Institute of Education, ha sollevato diversi dubbi. Un monitoraggio continuo in giovane età influisce negativamente sulla salute psicologica degli studenti, ha dichiarato. 

Iscriviti alla newsletter

X