Empathy belly: vuoi provare ad avere il pancione? 

da | 26 Nov, 2021 | Lifestyle, News

Permette di sperimentare, davvero e in prima persona, la gravidanza: è Emphaty belly, la pancia empatica da indossare

La pancia empatica, empathy belly,  è un simulatore di gravidanza che permette a chi lo indossa di sperimentare, davvero e in prima persona, la gravidanza. Pensata per uomini e donne, coppie, adolescenti, ma anche per medici, infermieri e altre figure professionali che vogliono capire, o meglio sentire, come si sta con il pancione. 

Come funziona

La pancia empatica è un indumento e si indossa in modo simile a un marsupio per neonati. Con un peso che supera i 13 kg, consente, a chi la indossa, di sperimentare oltre venti sintomi della gravidanza: oltre all’aumento di peso, i calci fetali, l’aumento della temperatura corporea, la pressione sulla vescica, tra gli altri. 

In Usa è in commercio già da qualche anno e su YouTube si trovano diversi video di coppie che lo provano, che mettono subito in luce quanto anche un semplice gesto, come allacciarsi le scarpe, possa diventare davvero complicato. 

Il costo è ancora piuttosto alto: per questo c’è la possibilità di affittare la pancia, vivere una gravidanza mordi e fuggi e restituirla ai prossimi desiderosi di entrare nei panni altrui.

Sperimentare l’empatia

Si chiama empathy belly, pancia empatica, proprio perché questa è la sua principale missione. Migliorare la capacità empatica, cioè cercare di capire sempre di più e sempre meglio come sta l’altra o l’altro è importante per tutti noi.

Lo dicono gli innumerevoli studi, e ce lo conferma ancor l’esperienza quotidiana. Anche con le persone più vicine a noi spesso è complicato spiegare a parole sensazioni, pensieri, stati d’animo che proviamo. E l’immersione si rivela preziosa nell’accrescere l’empatia: vieni, che ti metto letteralmente la mia pancia. 

Esercizio di consapevolezza

La pancia empatica è un ottimo esercizio, che va oltre la condivisione del calcio fetale o della pressione sulla vescica. Ci aiuta ad acquisire la consapevolezza che chi abbiamo di fronte potrebbe sentire, pensare, o più genericamente stare, molto diversamente da come immaginiamo. E voi, a chi la fareste indossare?

www.empathybelly.org

Pubblicità
Pubblicità

I più letti

I più letti

Non chiamateli capricci!

Come affrontare queste espressioni di emozioni forti, che ancora chiamiamo “capricci”? Lo spiega Silvia Iaccarino, formatrice e psicomotricista