Il tavolo della pace contro la rabbia

Un luogo fisico che secondo la pedagogia Montessori aiuta a ritrovare la calma dopo un litigio o momento di rabbia

Le emozioni vanno di pari passo con la socializzazione: questo significa che spesso la rabbia è legata all’ambiente sociale che il bambino vive, ovvero quando questo non risponde alle sue aspettative e bisogni.

Soprattutto per i bambini di età inferiore ai 6 anni la situazione di disagio può trasformarsi in urla, pianti e altre reazioni apparentemente estreme. 

Ci vuole pratica ed esercizio, non è facile e non sempre possibile: se il genitore riesce a mantenere la calma si è già a metà strada verso la soluzione del problema. Questo non significa ‘sottovalutare’ le reazioni del proprio bambino, ma conoscerle, individuarne le cause e imparare a controllarle. 

Il tavolo della pace: controllo ed empatia

Per ritornare alla calma dopo un litigio la Montessori aveva ideato lo strumento del “tavolo della pace”. Un tavolino da allestire a casa o a scuola.

Se ha volte basta stringere un mignolino e pronunciare la parola ‘pace’ per imboccare la direzione giusta verso la calma, avere un luogo dedicato è ancora più efficace. 

Sul tavolo deve esserci una candela da accendere prima di esprimere le ragioni della propria rabbia. Ma anche un clessidra o un semplice barattolo della calma che aiuterà a sbollire anche restando in silenzio. 

Il tavolo deve essere accogliente e rilassante; ha due sedie per due fratelli o amici litiganti oppure per figlio e genitore. Nel primo caso, un oggetto da passarsi come testimone può aiutare a rispettare il turno di parola e l’adulto può intervenire solo se necessario.

L’obbiettivo è quello di far entrare il bambino in contatto con i propri sentimenti e capire ciò che prova la persona che si ha di fronte, esercitando l’empatia verso l’altro.

Finito il confronto si soffia sulla candela e tutto torna come prima! 

Immagine di Earth Child Montessori School

Leggi anche –> Il vero tavolo Montessori Style

Iscriviti alla newsletter

X