Mettici una buona parola

“Una città a misura di bambino è una città più bella per tutti”. È questa l’idea che, dodici anni fa, ha fatto nascere Giovani Genitori. In questi dodici anni molto è cambiato e noi abbiamo provato a dare voce al mutamento della famiglia cercando di fare sempre un giornalismo indipendente e di qualità.

Ci avete aiutato voi, amiche e amici carissimi, con la vostra ispirazione quotidiana. Leonard Downie, direttore del Washington Post, disse una volta: “dobbiamo lavorare nella consapevolezza che i lettori sono più intelligenti di noi”. Sapere che ci state leggendo ci aiuta a fare bene il nostro lavoro.

C’è di più. I nostri contenuti sono liberi: pubblichiamo con la licenza Creative Commons e sul nostro sito non ci sono paywall. Questo significa che potete leggere e diffondere liberamente qualsiasi articolo vi sia piaciuto, sia su carta che digitale.

Questo lavoro è difficile e costoso. Se da un lato siamo felici del numero sempre più grande di lettrici e lettori, dall’altro dobbiamo trovare sempre più sponsor (amiamo i nostri sponsor!) e sempre nuovi abbonati (adoriamo gli abbonati!).

Per questo oggi abbiamo un favore da chiederti. Se leggi e apprezzi Giovani Genitori, sostienici anche tu. Abbonati, regala la rivista agli amici, falla conoscere, raccontala a scuola, portala con te in vacanza. Non ti chiediamo soldi. Ti chiediamo di metterci una buona parola, per aiutarci a scrivere parole sempre migliori sul tuo giornale.

Grazie

 

 

Iscriviti alla newsletter

X