Expo estate: aperta per ferie!

Le vacanze estive sono il momento ideale per visitare l’Esposizione Universale: belle giornate, più tempo e meno stress permettono di godere al massimo l’evento.

Proseguono le attività all’interno del Children’s Park, la grande area dedicata ai bambini e alle famiglie, con attrazioni, laboratori e le quotidiane parate della mascotte Foody e di tutti i suoi amici.

A Cascina Triulza, poco distante dal Children’s Park, nell’area Children Lab (lo spazio dedicato ai bambini dai 4 ai 10 anni) proseguono i lab sull’acqua, il mangiar sano e la sostenibilità ambientale. Per tutta l’estate e fino alla chiusura di Expo, si può partecipare al laboratorio con la Mucca Margherita, riproduzione di una mucca identica in ogni particolare a quella vera, con la possibilità di mungerla, nutrirla e accudirla sotto la supervisione di agronomi certificati. Al termine ogni bambino riceve un diploma di “bergamino”, cioè di mungitore certificato (tutti i giorni alle 11 e alle 17). Sempre presso Cascina Triulza, per tutta l’estate (alle 11.30 e alle 16.30) è possibile assistere alla produzione del Grana Padano, sotto la supervisione di due esperti caseari del Caseificio del Consorzio di Tutela del Grana Padano.

Il giro del mondo con un biglietto
Il bello di Expo è che in una sola visita si può girare tutto il mondo. Sono tantissimi i padiglioni dei Paesi ospiti, ognuno con le sue caratteristiche, per raccontare e far scoprire ai visitatori le tradizioni culturali, storiche e culinarie. Molti padiglioni sono baby friendly.

Imperdibile quello dell’Austria, in cui viene riprodotto un bosco, con microclima, fauna e flora. Nel padiglione dell’Azerbaigian il percorso si snoda su tre sfere di vetro su più livelli che rappresentano diverse biosfere. La prima è dei paesaggi, la seconda è quella delle nove zone climatiche del paese, la terza è quella delle culture tradizionali e dell’innovazione. Bello, vero? In Brasile i tre piani del padiglione sono collegati da una rete sospesa nel vuoto da attraversare cercando di non perdere l’equilibrio mentre si interagisce con l’ambiente circostante e dei sensori rilevano i movimenti trasferendo impulsi che modificano il suono e la luce. Chi ama la cioccolata non può perdersi il Cluster del Cacao dove si presentano i Paesi che fanno di questo prodotto l’elemento centrale della propria economia. Da non mancare il padiglione della Costa d’Avorio dove si possono assaggiare tutti i prodotti derivati dal cacao. Il Ghana, che da solo fornisce oltre il 20% della produzione globale, è un altro luogo privilegiato per gli assaggi del Cibo degli Dei. Con un salto eccoci in Giappone. Qui innovazione e tradizione si fondono insieme, è possibile provare l’ebbrezza di un pranzo nel futuro. Su tavoli touch screen ogni alimento del pranzo virtuale compare corredato di spiegazioni, collegamenti e curiosità sulla sua storia. Poi dal virtuale si passa al reale e si assaggia ciò che di meglio offre la cucina nipponica. Nel padiglione degli Emirati Arabi Uniti, con la sua struttura che ricorda le dune del deserto, viene proiettato un cortometraggio, ”Family Tree”, in cui i visitatori vengono ondotti in uno spazio interattivo dove possono concludere la storia, come se fossero degli attori. In Germania sono tantissime le attività in programma per tutta l’estate: concerti, workshop, appuntamenti pensati per grandi e piccoli alla scoperta della cultura tedesca. A incuriosire i piccoli ospiti c’è lo show “Be(e)active” attraverso cui i visitatori possono sperimentare un volo sulla Germania dalla prospettiva di due api in volo, il tutto diretto da un’orchestra! Il padiglione del Qatar è stato pensato come uno spazio decisamente baby friendly. Al suo interno una “Play kids area”, un servizio di baby parking con animatori e la possibilità di svolgere attività in linea con il tema centrale di Expo. Un’oasi per i più piccoli ma anche (e soprattutto) per i genitori! Ricchissimo anche il padiglione degli Stati Uniti, che periodicamente organizza appuntamenti dedicati ai bimbi. Sul sito ufficiale tutti gli eventi da qui fino alla conclusione di Expo. Per chi ha voglia solo di riposarsi e godersi qualche momento di relax, niente di meglio del padiglione della Slovacchia, che mette a disposizione una flotta di dondoli. Il giusto premio per aver girato il mondo in una giornata.

Imperdibili a Expo
Proseguono per tutta l’estate gli eventi per grandi e piccoli organizzati da Slow Food, tutti i giorni (domeniche incluse) alle 11 nello Slow Food Theater. I temi principali sono due, le api e gli sprechi alimentari, ma nel lungo periodo dell’Esposizione Universale si alterneranno molte novità. Gli eventi aggiornati si trovano sul sito www.slowfood.it, assieme alle modalità di prenotazione per i laboratori.

Granarolo, partner del Padiglione Italia, rappresenta a Expo la filiera italiana del latte. Nel percorso “The Milk Experience” prende vita il racconto storico, territoriale e artistico legato al latte, il primo alimento che ogni bambino assaggia.

Al padiglione di Intesa Sanpaolo, il cartellone prosegue per tutta l’estate. Ecco alcuni degli eventi principali: Museo del Risparmio, 5 e 19 luglio e l’1 e 2 agosto alle 15, una serie di video e laboratori creativi per sensibilizzare i più piccoli sui temi dello spreco alimentare e della scarsità delle risorse.

Il Teatro Ragazzi di Torino, l’11 luglio alle 18.30 e alle 21, presenta “Il Giro del mondo in 80 giorni”, uno spettacolo dinamico in cui gli spettatori sono coinvolti in una grande favola moderna. Il 18 luglio, alle 18.30 e alle 21, c’è un fantastico spettacolo acrobatico con gli artisti Milo Scotton e Olivia Ferraris Grandi.

Lo spettacolo Pinksie The Whale, il 12 luglio e il 29 agosto, alle 15.30 e alle 18.30, è un momento di intrattenimento per i bambini con attività di disegno libero e costruzione.

Il Piccolo Teatro di Milano, il 26 luglio alle ore 11, 12, 15 e 16 e il 30 agosto alle 11 e alle 12, presenta “Il Principe ranocchio”, un breve spettacolo/ laboratorio per bambini e famiglie a cura di Stefano de Luca.

A tutta scuola!
Per le classi che decideranno di visitare Expo nei mesi estivi è poi partito il concorso “Un’estate all’Expo”. Tutti i gruppi, dopo la visita, sono invitati a presentare un elaborato digitale per raccontare l’esperienza. Le classi vincitrici si aggiudicheranno dei premi per rendere la propria scuola più tecnologica. Il progetto è rivolto agli istituti scolastici di ogni ordine e grado e ai centri estivi organizzati dai Comuni e dagli oratori.

Da segnalare anche il progetto Play Energy a cura di Enel, organizzato da diversi anni, che in questa edizione si declina seguendo il tema centrale di Expo. L’obiettivo è promuovere la conoscenza del mondo dell’energia partendo da temi chiave come innovazione, efficienza, sostenibilità e consumo intelligente. C’è ancora tempo per partecipare! Tutte le informazioni su www.playenergy.enel.com.

Un’estate al Museo
I musei milanesi non chiudono per ferie e, anzi, organizzano tante iniziative per coinvolgere anche i più piccoli. Sul sito www.ilmioamicomuseo.it è possibile visionare tutte le proposte dei musei che aderiscono a questo circuito, per fare il pieno di divertimento e cultura anche nella bella stagione.

Al MUBA prosegue il progetto Childrenshare. Il 3, 4, 5 luglio “Cucchiai sonanti e mestoli danzanti”, dal 7 al 9 luglio “Fantasia nel Bento”, dal 21 luglio al 2 agosto “Stampatelle: messaggi buoni da mangiare”, dal 4 al 16 agosto “Avventure intorno alla tavola” e dal 25 al 30 agosto “Tuttifrutti”. Come sempre, tutte le informazioni su orari, prezzi e modalità di prenotazione sono consultabili sul sito www.muba.it.

Il 27 agosto, presso la Pinacoteca di Brera, l’associazione “Amici del Loggione del Teatro alla Scala”, presenta lo spettacolo “Ragazzi a confronto: concertisti e spettatori”, un concerto con brani ispirati all’opera del mese della Pinacoteca, eseguiti da musicisti tra i 7 e i 14 anni. Per informazioni e prenotazioni: www.amiciloggione.it.

Oltre ai musei anche le biblioteche civiche milanesi propongono attività e laboratori per tutto il periodo estivo. Dal 6 al 24 luglio, presso la Biblioteca Civica Valvassori Peroni, alle 9.45, il laboratorio “La ballata dei mondi di carta” ci porta in viaggio in una biblioteca fantastica con i libri che diventano protagonisti di magici mondi incantati.

A spasso per la città
Molti gli eventi in città collegati a Expo. Il 12 luglio presso il Forno Pubblico, a cura di Alce Nero in collaborazione con Miele, un golosissimo workshop sul tema panini colorati con estratti naturali di frutta, verdura e spezie + mini pizzette. Tutte le informazioni sugli incontri si trovano all’indirizzo www.fornopubblico.com.

Proseguono fino al 5 luglio le attività alla Maison Mustela, l’angolo per le mamme in attesa e per quelle che già lo sono, per concedersi qualche coccola e un po’ di tempo da dedicare a se stesse. L’indirizzo è in corso Magenta 12 a Milano.

Organizzare la visita
La parola d’ordine per visitare Expo con i bambini è: organizzazione. Expo è grande, d’estate fa caldo e non è possibile far tutto in giornata. Ecco dunque le cose da sapere. Meglio acquistare i biglietti dal sito www.expo2015.org. Chi arriva a Expo in macchina può prenotare (consigliato) il parcheggio (il più comodo all’ingresso principale è il parcheggio Merlata). Consigliatissimo scaricare dal sito la Family Map (si può anche ritirare all’ingresso) che indica i servizi baby friendly per i visitatori. Portate una bottiglietta d’acqua da riempire nei numerosi “punti acqua” gratuiti. A Expo si mangia, ma i prezzi non sono bassissimi e il modello alimentare è… globale! Per i bimbi piccoli è possibile portare il pranzo o il biberon da scaldare nei punti pappa. Si cammina moltissimo, quindi scarpe comode. Volendo si può utilizzare la navetta People Mover, che permette gratuitamente di spostarsi da un’area all’altra dell’esposizione. All’ingresso chiedete il pratico welcome kit che, tra le altre cose, contiene gadget utili durante la visita e un braccialetto identificativo su cui scrivere nome, cognome e numeri di telefono dei genitori.

Chicco per la Children Hospitality
Lo spirito baby friendly e i servizi per famiglie hanno il supporto di Chicco, official sponsor per la Children Hospitality, che mette a disposizione una flotta di passeggini di cortesia. Tante le aree nursery attrezzate per il cambio e l’allattamento. Presso tutti i punti ristoro Eataly, Tracce, Chicco Tosto, Viavai, Let’s toast e Aroma ci sono seggioloni, rialzo sedia e scaldabiberon.

Iscriviti alla newsletter

X