Un cavallino per camminare meglio

Quando un bambino è malato (più o meno gravemente), la vicinanza con un animale è fondamentale per la guarigione, tanto che molti reparti pediatrici praticano la pet therapy i cui benefici sono riconosciuti ovunque. In Alaska si è andati oltre, un bambino affetto da una grave malattia genetica che negli anni gli impedirà di camminare, riesce a muoversi grazie a un cavallo in miniatura.

Gwen, un cavallo per amico!
Gwen è un cavallo americano in miniatura, Zaiden invece è un bimbo di 7 anni affetto da ataxia-telangiectasia, che lentamente ma inesorabilmente lo porterà su una sedia a rotelle. Grazie a Gwen però Zaiden ha recuperato un po’ della sua autonomia, grazie alle dimensioni ridotte del cavallo il bimbo può camminare appoggiandosi a lui, abbandonando tutto il peso sulla groppa dell’animale che gli permette così di muoversi anche tra i corridoi della scuola. La presenza del cavallo nella vita di Zaiden è infatti costante, nei corridoi e nell’aula c’è sempre posto per Gwen che, in una sorta di pet therapy collettiva, aiuta anche gli altri alunni e compagni a rilassarsi e a rimanera concentrati durante le ore di lezione.

Animali in ospedale
Sono sempre più numerose le notizie di bambini che riescono ad affrontare la malattia grazie al supporto fondamentale degli animali: dai cavalli, ai cani, dai delfini ai gatti non c’è che l’imbarazzo della scelta. In alcuni casi gli stessi animali domestici dei degenti sono amessi nell’orario di visita, proprio perchè il loro aiuto nella guarigione è un dato di fatto.

[photo by Alaska Dispatch News]

Iscriviti alla newsletter

X